La coppia più bella

Prime donne. Divi. Vogliono il camerino più grande e tutto il teatro per sè. E’ umano e scontato che i grandi piloti non siano disposti a condividere il box con qualcuno che potrebbe togliere luce, scena, affetto unidirezionale del team. Sono tutti uguali, quelli molto forti. Per cui non stupisce che Alonso, senza una crepa nell’espressione, menta affermando che lui e Massa sono la coppia più vincente del paddock. Una di quelle balle che si smentiscono da sole, nel momento in cui vengono pronunciate. Una sparata grossa e ridicola. Già perchè i risultati dicono ovviamente altro. Massa è il più scarso di tutti i secondi delle coppie importanti, vedi Button e Webber. Per cui ‘vincente’ non è senza dubbio il termine adatto. C’è sintonia? Ad occhio i due sembrano degli estranei, ognuno impegnato a fare il suo, ma ammettendo anche che siano amici inseparabili (e non lo sono) quello che interessa ad una squadra è portare a casa punti, non creare socialità e i punti in Ferrari li porta a casa uno solo. E’ un fatto. Allora perchè Alonso, uomo squadra per definizione, preferisce avere accanto Massa e non Vettel? Per lo stesso motivo per cui Schumacher non era disturbato dall’avere di fianco Barrichello.

Perchè uno a casa propria vuole stare sereno e gente come Massa, Webber e persino Button (nonostante una classifica che mette Hamilton all’angolo) non tolgono il sonno a nessuno. I campioni veri hanno una cattiveria che non ammette la condivisione degli spazi, come insegna il tragico esperimento Alonso-Hamilton in McLaren. Inutile fare tentativi esplosivi. Il vero campione è narcisista e accentratore. Alonso, Vettel, Hamilton non possono stare nello stesso box. Tanto vale rassegnarsi. Non perchè vogliano vincere facile, come più volte fu detto ingiustamente di Schumi, semplicemente perchè sono fatti per dirigere l’orchestra. Senza interferenze.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

18 risposte a “La coppia più bella

  1. Cito Raikkonen semplicemente perchè,insieme a Massa ed Alonso,è uno degli ultimi tre piloti della Ferrari.Comunque alla F1,manca uno come Kimi.

  2. Massa dovevano lasciarlo a casa quando ha avuto l’incidente,ma in sudamerica bisogna vendere auto.Montezemolo da quando è andato via Todt non ne ha azzeccata più una.Massa non vale un quarto di Alonso e la metà di Raikkonen.

  3. Per niente d’accordo con la Sig.ra Anna. Il VERO campione corre con chiunque e contro chiunque, perche’ il VERO campione e’ prima campione dentro e poi fuori, il VERO campione ha personalita’ e carisma da vendere. Questa ultima generazione di piloti conta tanti bei talenti ma di campioni neanche l’ombra…per ora…

  4. nonhocugini69
    noto con piacere che hai afferrato il concetto…
    parlavo di differenza punti tra i piloti della stessa scuderia…

  5. in settimana ho visto un servizio del sig. luca budel si parlava proprio di questo: delle considerazioni di alonso su massa, per lui sono la coppia più forte del paddock, e sul fatto che la ferrari non ha bisogno di vettel, tradotto che lui non vuole il tedeschino tra le scatole…tralasciando queste affermazioni che trovo ridicole e che lasciano il tempo che trovano,volevo sapere dal sig. budel perchè ritiene che due mondiali vinti in redbull contano meno di uno vinto in ferrari?!?perchè più o meno testuali parole “vettel dovrebbe,prima o poi,arrivare sicuramente in ferrari,come schumacher dopo i mondiali vinti in benetton,e come schumacher dovrebbe vincere mondiali con il cavallino perchè un conto è vincere con benetton e red bull che con l’automobilismo non c’entrano niente e un conto è vincere con la ferrari”…io sono rimasto allibito…io sono ferrarista, però ok tirare l’acqua al proprio mulino ma essere faziosi fino a questo punto, come meda &co. lo sono con rossi,mi sembra un tantino esagerato…

  6. potrei anche sbagliarmi, ma vorrei far notare: Alonso-Massa 112 punti, Vettel-Webber 130 punti. Perchè Massa dovrebbe essere il più scarso??? (e non tiriamo fuori la storia degli ordini di scuderia perchè la cosa vale per entrambi..). Vittima mediatica…

  7. non capisco perchè prima non abbiano pubblicato questo mio commento:
    ho qualche annetto sulle spalle e ricordo perfettamente le coppie prost-senna piquet-mansell pironi-villeneuve, quindi di cosa stiamo parlando???

  8. La Formula 1 è uno sport ambiguo perchè c’è il campionato costruttori, che è di squadra, ed il campionato piloti, che è individuale. Sono due filosofie diametralmente opposte “costrette” a convivere. Quale delle due prevarrà? Dipende… dipende dalla scuderia, dipende dai primi risultati in pista, dipende dai risultati degli altri… è un discorso molto soggettivo.
    @ayrton – Hai ragione, sarebbe favoloso… ma anche in quel caso ci sarebbero interessi che spingerebbero la scuderia a favorire l’uno o l’altro in qualche modo… è scientificamente provato e storicamente testato… L’unica per vedere talenti misurarsi con lo stesos materiale sarebbe una categoria a parte come la GP2 dove la differenza la fa il pilota nella guida e la squadra nelle regolazioni… il resto è tutto uguale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *