F1, se paghi ci sei

Immaginate un giovane Usain Bolt costretto a pagare per partecipare alle Olimpiadi, il piccolo Rafa Nadal cacciare il grano per entrare nel tabellone del Roland Garros, l’imberbe Messi cercare uno sponsor per giocare nel Barcellona. Roba impossibile nel mondo normale, ma al mondo normale non appartiene più da tempo la Formula 1. Accade così che oltre la metà dei volanti a disposizione abbia un prezzo, nel senso che se vuoi correre devi pagare. L’ultimo caso riguarda la Caterham. Jarno Trulli è stato simpaticamente messo a piedi, nonostante un contratto in essere, perché quel talentone di Vitaly Petrov ha bussato alla porta con una valigia carica di euro. 10 milioni per l’esattezza.

Una vagonata di buone ragioni per chiamare Jarno e raccontargli che la sua avventura in Formula 1 era arrivata ai titoli di coda. Cosa significa tutto ciò? Significa che le squadre in grado di vivere in autonomia e di scegliere di conseguenza sono rimaste appena 5.  Red Bull, il suo satellite Toro Rosso, McLaren, Ferrari e Mercedes.
Insomma 10 piloti ingaggiati e pagati regolarmente senza bisogno di portare nulla in dote. In mezzo c’è la Lotus che tiene la linea di galleggiamento e si augura che l’arrivo di Raikkonen sia utile ad attirare investimenti esterni. Poi? Poi inizia il mondo dei peones, delle squadre che nonostante la crisi non vogliono mollare la Formula 1, perché la Formula 1 consente sempre e comunque un bel dividendo a fine anno, frutto della spartizione dei diritti TV. Insomma l’importante è partecipare sempre che le spese attive le copra il pilota di turno.

Detto di Petrov, che fino all’anno scorso foraggiava la Lotus, l’elenco comprende Pastor Maldonado spinto dai petrodollari venezuelani, Bruno Senna che alla superdecaduta Williams non è arrivato certo per i numeri di un talento disconosciuto pure dal suo DNA e altri pilotini che nemmeno è il caso di citare visto che pagano pure per mettere la tuta da terzo pilota, A questo punto non sarebbe davvero utile introdurre la terza macchina per i grandi team e spazzare via un sottobosco da corsa che non ha altre ambizioni se non raccattare i soldi distribuiti a fine stagione? Che senso avrà nel 2012 avere in griglia un paracarro come la HRT? Sempre che la HRT – che ha già annunciato che non parteciperà nemmeno ai prossimi test di Barcellona – riesca a mettere assieme un mezzo che ricordi almeno nelle forme una macchina di Formula 1.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

43 risposte a “F1, se paghi ci sei

  1. In ogni caso mi permetto di ricordare che anche raikkonen alla ferrari in molte gare sembrava un paracarro… forse era demotivato ma di certo non competitivo…

  2. cavoli mi e veutno l’impulso irrefrenabile di prenotare le prossime vacanze in un trullo!sono davvero belli e dovessi capitare ancora da quelle parti, la prossima volta non mi lascero’ scappare l’occasione!baci! ale

  3. Jami83
    Chiunque fa meglio con macchine migliori?
    Molti piloti in passato sembravano dei campioni su delle “scatole di m”, poi una volta avuta la macchina buona hanno toppato in modo terrificante, o cmq si sono dimostrati enormemente inferiori al proprio comapgno di squadra (i.e. non erano dei campioni, e in passato erano stati drammaticamente sopravvalutati).
    Regazzoni, Reutemann, Cheever, Patrese, Alboreto, Alesi, Berger, Coulthard, Fisichella, lo stesso Massa, tanto per fare solo alcuni nomi.

  4. Ma che significa dire “quando aveva buone macchine Trulli ha fatto sempre bene”???? Chiunque fa meglio con macchine migliori! Anche Petrov su una RedBull farebbe meglio. Trulli anni fa guidava Toyota e Renault che non erano le ultime della classe, anzi. Ha fatto belle gare, e rimarranno impresse perchè lui è stato un bel pilota. Non un fenomeno, e i “non fenomeni” a 40 anni è meglio che si ritirino, almeno li ricorderemo bene invece che ricordarli impantanati in macchine non adeguate.

  5. Forse chi scrive su questo blog è troppo giovane per ricordare, ma le
    annate dove Trulli si era fatto notare di più erano le prime: 1997,1998,1999 dove con macchine notevolmente scarse riusciva a fare anche delle belle gare (ricordo un 2° posto con la PROST e un exploit ad un gran premio d’Austria ma non ricordo di che anno).
    Poi voglio fare chiarezza, perchè Alonso potrà non piacere per un migliaio di motivi, ma i fatti sono fatti:
    stagione 2003: Alonso 55 punti Trulli 33; piazzamenti nelle gare: Alonso batte Trulli 9-7; Alonso 4 podi e 1 vittoria, Trulli 1 podio
    stagione 2004: Alonso 59 punti Trulli 46; piazzamenti nelle gare: Trulli batte Alonso 8-7 finchè erano compagni di team, invece considerando tutta la stagione, anche le ultime 3 gare di Jarno su Toyota Alonso batte Trulli 9-8; Alonso 4 podi, Trulli 2 podi e 1 vittoria.
    Con questo non voglio dire che Jarno fosse scarso.
    Secondo me quando aveva la vettura competitiva si smarriva, gli mancava qualcosa, spesso nelle seconde parti delle gare calava troppo il suo ritmo e fu anche per questo che venne licenziato dalla Renault a 4 gare dalla fine del mondiale (altro che Toro Rosso con Algersuari e Buemi!).
    Ma comunque secondo me al di là di tutto, la sfortuna più grande l’ebbe proprio in Renault perchè si ritrovò in squadra Alonso e BRIATORE, e ho detto tutto…

  6. Ciruzzoo ripeto di corse bisogna capirne altrimenti sarebbe oppurtuno non commentare..Trulli è un ottimo pilota quando ha avuto una macchina solida ha dimostrato il suo valore ..nessuno ha mai fatto miracoli con dei cartocci..e cmq anche con macchine poco competitive si è messo sempre in luce…Trulli è un pilota i giovani che ci sono adesso chiamarli piloti è un eresia..petrov per dirne uno non ha neppure un dito di trulli, cosi come Bruno senna,maldonado ecc ecc..nella formula 1 attuale se hai tanto grano puoi andarci a correre anche tu se vuoi…

  7. giaguaro 68,
    Trulli nessuno ha detto che è uno scarsone, è stato un pilota solido che ha avuto una bella curva di miglioramento anche se gli esploit sono stati pochi(monaco 2001 sfortunato , monaco 2004, annata 2004 in cui arrivò 6° mi sembra) ma ora cosa avrebbe da dire? ha passato le ultime 3 stagioni a piangersi addosso a se e alle sue vetture, ha la sua età, perchè non dare spazio ad un giovane che comunque ha ottenuto più risultati forse di lui alla stessa età, e ha un margine di miglioramento non da poco..e in + ha la valigia che aiuterà ulteriormente il team?finiamola con questo patriottismo da bar,perchè la ferrari allora non schiera come 2° uno dei suoi giovani a sbatte fuori massa bollito allora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *