I magnifici 6

I magnifici 6 campioni del mondo hanno mostrato la prima mano di carte servita da questo Mondiale. Carte ottime per Hamilton e Button, due che giocano con stili e sistemi diversi. Forse, sulla coppia serve fare ammenda e rettifica perché viene il sospetto che Jenson si sia dedicato allo studio più di Ginetto sino a sovvertire la gerarchia. Lo si è visto a Melbourne dove proprio il Gino era arrivato tonico e lucido come uno che ha smesso di fare pirlate. Il che, magari, non basta per tenere dietro un compagno dato perdente nel duello interno da tutti, compresi noi, un anno fa.

Invece, proprio l’anno scorso abbiamo preso atto di qualche dubbio prima e di una certezza poi. Button usa meglio la testa e la tattica e ci mette anche molto piede –avevamo ammesso- mentre Hamilton aveva un po’ perso la trebisonda, a furia di fare il ganassa. Il fatto è che la fotografia rischia ora di diventare una scultura. Una faccenda definitiva. Vedremo, perché Gino è capace sempre di stupire anche se è Button il re delle sorprese.

Vedremo, perché una sola gara non basta anche se questa classifica interna McLaren pare la prima costante certa rispetto al 2011. Sulle altre coppie siamo lì. Vettel resta davanti a Webber. Webber resta un somaro al via. Alonso resta il guerriero di sempre. Massa resta troppo indietro non solo rispetto ad Alonso. Schumacher continua a fare qualche danno di troppo per uno che un tempo era specializzato nel portare a casa il malloppo intero. Rosberg resta una promessa da mantenere. Poi Kimi.

Raikkonen. Dietro al fringuello Grosjean in prova ma veloce e aggressivo in gara. Ruggine, ovviamente. E ancora qualche vuoto di troppo. E’ la sua cifra, quella dell’altissimo e del bassino ma qui di Kimi possiamo parlare solo bene, altrimenti scattano mosche ai nasi. Quindi, bentornato e auguri. La sua Lotus, almeno in qualifica, almeno adesso, c’è.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

45 risposte a “I magnifici 6

  1. That was always on the cards.I reebmmer telling that to you once before too.But now it looks more obvious.Rossi’s carreer stats:1996 enters 125cc MotoGP championship1997 125cc champion1998 moves to 250cc1999 250cc champion2000 moves to 500cc2001 500cc Champion2002 500cc Champion2003 500cc Champion2004 500cc Champion2005 500cc Champion .applying the same logic2007 moves to Ferrari2008 may be F1 champion.:-DAana race trackla car otturatha nyabagathla vachikanum..illati bike nenaipula oru pakkama cara tilt panniduvaru.:-)

  2. Sportvero

    La pensiamo allo stesso modo, altro che difficoltà a portare in temperatura le gomme come diceva qualcuno!!!!! A parità di condizioni (serbatoio scarico) Kimi era sistematicamente più veloce di Massa, e la differenza nei giri più veloci in gara fu imbarazzante per il brasiliano.

    Volevo aggiungere un paio di cose:
    – molti si vantano di avere in tasca la soluzione dei problemi Ferrari, beati loro che sono così esperti; se si è fuori dall’ambiente come si fa a sputare sentenze in questo modo? Via Massa, via Domenicali, nuova galleria del vento! Grazie, ma che ne sapete voi??? I facili espertoni hanno stufato;
    – a che serve cambiare Massa quando la prima guida Alonso (pilota straordinario) lotta per il quinto posto?
    – per la seconda volta negli ultimi 3 anni la Ferrari ha interrotto lo sviluppo a metà stagione (classica decisione “pro domo sua” anti-spettacolo, in pieno stile maranelliano), e ora si trovano a inseguire; stanno veramente facendo una figura barbina;
    – sbaglio o è da un po’ che Montezemolo non parla? Può sopportare di non vincere, ma non di non essere in lizza per la vittoria finale, soprattutto per due anni di fila; secondo me a fine stagione ci sarà un repulisti tremendo (se non a stagione in corso).

  3. Per TouchTooMuch, Stefanozzo e Jami83!!!

    Contentissimo di trovare conferme da parte vostra…..

    Solo una piccola aggiunta al mio commento, Kimi vinse il mondiale nel 2007, nel 2008 Massa ci arrivò vicinissimo e il 2009 fu l’anno della famigerata “molla”….. Il tutto solo per chiarire meglio il mio commento: già nel 2008 la Ferrari iniziò con la strategia “qualifiche” basata su Massa, per poi continuare per tutto il 2009 fino all’incidente!!

    Ulteriore chiarimento, considero Kimi un talento puro con doti velocistiche fuori dal comune ma ammetto anche i suoi limiti caratteriali senza i quali avrebbe sicuramente reso ancora di più!! Ma il mio commento voleva precisare come le annate 2008 e 2009 non sono solo imputabili all’indole di Kimi (per me in percentuale bassa), ma la Ferrari ci ha messo molto del suo puntando tutto su Massa in modo scriteriato!

  4. No per piacere non tirate fuori dati, statistiche e numeri! Quì si ha l’abitudine di criticare per “partito preso” e basta! Se volete fare discussioni con fatti concreti andate su blog seri! Vero Terruzzi?!

  5. Cari sportvero e TouchTooMuch a sostegno di quello che affermate vi riporto dei numeri (che a me piacciono tantissimo!): classifica dei “fastest lap” ottenuti in gara nella stagione 2008: Raikkonen=10;Massa=3;Kovaleinen=2;Heidfeld=2;Hamilton=1.
    Volendo si può criticare Raikkonen per mille motivi, ma le sue doti velocistiche non possono essere messe in dubbio.

  6. sportvero
    Concordo pienamente, la tua analisi sul 2008 e 2009 è ottima. Girare al sabato con meno benzina significava staccare un tempo di 3-4 decimi inferiore.
    Massa partiva in prima fila, e Kimi in terza-quarta.
    Massa si fermava per la prima sosta 4-5 giri prima di Kimi, quando gli aveva già 20 secondi avanti.
    Kimi recuperava qualche secondo fra le due soste, ma non gli era sufficiente per recuperare il gap.
    Così andò per tutto il 2008.
    Complimenti Ferrari. Contenti di avere Massa? Bene! Anch’io che voi l’abbiate!

  7. Mi scusi sig. Terruzzi, cerco di essere il più garbato ed educato possibile anche se non condivido il suo chiamiamolo “costante disappunto” su Raikkonen.

    Ma vogliamo dire una volta per tutte la verità?
    Contento dell’arrivo di Alonso (un grandissimo pilota di sicuro, senza di lui la Ferrari mediocre di questi ultimi due anni sarebbe andata ancora peggio), ma il buon Kimi fu fatto fuori dalla Ferrari poichè occorreva tenere buono il figlio di Todt (manager di Massa) e inoltre in quell’ultima stagione del finlandese in Ferrari si fece di tutto per avvantaggiare Felipe e non Kimi poichè Massa si sentiva in credito con la Ferrari poichè convinto che l’anno prima il mondiale di Raikkonen fosse prevalentemente merito suo (vedi ultima gara)…

    L’elenco è lunghissimo, ma basta ricordare come Massa venisse sempre privilegiato nelle prove quando la strategia era ancora molto più importante di adesso che sono stati eliminati i rifornimenti (se partivi davanti a un pilota ci arrivavi pure). La scelta sul pilota più leggero di carburante veniva fatta sempre su Massa che sistematicamente aveva quel paio di decimi di vantaggio su Kimi in prova!!!
    La conferma fu data dal terribile infortunio di Felipe, fuori lui la Ferrari si concentrò di nuovo su Kimi che improvvisamente si mise a riandare forte e concluse la stagione dignitosamente!!!

  8. X Re Minosse,
    beh, diciamo allora che do più credito alla “ruggine” di Terruzzi che allla “mossa stellare” di James Allen…

  9. Ragazzi sul sito della F1 per il GP della Malesia è previsto diluvio universale per tutto il week end!
    Si prevede una corsa di motoscafi!

  10. X Kingmarzio
    non sono parole mie, ma di James Allen. Uno dei giornalisti più autorevoli al mondo in materia di Formula 1…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *