FENOMENI E SOMARI

I meccanici della Ferrari sono diventati dei fenomeni. Tutti a dire “che bravi!”. Dopo averli bollati per bolliti. Adesso i somari sono altri, quelli della McLaren o della Red Bull, che erano dati per esempi smaltati. Poi potrà capitare che nella concitazione assoluta di un pit stop qualcuno commetta un piccolo errore, qualche bullone non sia regolato al millimetro e troveremo giudizi ancora una volta ribaltati. Alla faccia della realtà. Perché la realtà indica squadre di lavoratori dedicatissimi, perennemente sotto pressione, esposti all’errore. Tocca, come e toccato e toccherà, a questi o quelli, perché fare quel mestiere lì, in condizioni tanto estreme significa sbagliare, ogni tanto ed inevitabilmente. Quindi, possiamo evitare di dare addosso o di esaltare a giorni alterni? Forse sì, potremmo.

Noi tutti, addetti ai lavori e appassionati. Sergio Perez è un buon pilota. Ma, francamente, nessuno può dire se sia più bravo di questo o quello, Felipe Massa compreso. Non sto difendendo il brasiliano della Ferrari. Più semplicemente sto dicendo che non basta un giorno per definire un giudizio. La storia della Formula 1 è piena di piloti capaci di sbalordire in un giorno perfetto. Poi tocca avere a che fare con una quantità di elementi criptici, a cominciare dalla macchina in questione. Quindi, bravo, certo, ma serve tempo per cercare di capire il peso specifico. Una impresa per chi segue questi sport motoristici, così complessi da analizzare. Su questo blog abbiamo appena criticato il nervosismo di Vettel. Il quale resta il campione che è vista la quantità di elementi utili a definire Vettel un fuoriclasse. Alonso, per qualità di rendimento, potrà sbagliare tra un giorno o dodici ma resta un iradiddio in quanto a rendimento, a costanza. Sono evidenze macroscopiche. Così come è evidente la difficoltà di Massa. Una difficoltà che proprio Alonso scoperchia. Ma, qui, provocatoriamente, sostengo che nessuno può definire Perez più forte di Massa. Magari sì, vedremo. Magari no. Vedremo. Questo sport non è il calcio, ripeto. Serve tempo e prudenza, nel dire, nel giudicare. Meccanici come piloti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

36 risposte a “FENOMENI E SOMARI

  1. bee diciamo che i meccanici tecnici ingegneri e “strateghi” in pista della ferrari somari erano e somari lo sono tutt’ora, domenicali e’ il capo somaro, l’ultima vittoria della ferrari non mi dice nulla in quanto e’0 avvenuta in condizioni particolari.. agevolata dal fatto che la strategia nn l’hanno decisa nei box ma a MARANELLO tramite telefono!! Voi vedrete che nel prossimo gran premio , previe sorprese meteo, la ferrari stara’ ancora a lottare per la 4-5 fila e cosi’ sara’ per tutto il mondiale, se tutto andra’ bn. Forza schumy sempre.

  2. Il problema è che Massa, sono anni che non va e non da segni di miglioramenti…. si a parole ci mette del suo ma in pista è carente e dobbiamo essere obbiettivi, da dopo l’incidente non è più veloce come una volta. Per carità, non che fosse u missile, però ci metteva del suo e poteva lottare per il podio…adesso ????

  3. Io continuo a pensare che Perez sia un mezzo “somaro”, valorizzato da un “somaro” per intero quale ritengo essere Kobayashi. Il segreto della giornata di gloria sta nel gioiellino che hanno tra le mani e che dubito siano entrambi in grado di sfruttare appieno.

  4. So bene che di certo questa non è la sezione giusta,ma non essendocene altre all’interno del vostro blog….
    Semplice domandina per i “guru” motoristici di Grand Prix:
    Ma come mai,la vostra trasmissione snobba i rally e ne parla solo in occasione del Rally di Monza?
    Forse, perchè più che un rally,è una passerella mondana e modaiola ove sfilare sul red carpet?
    Forse non l’avete ancora notato,ma nel campionato mondiale rally,partecipano i più grandi costruttori mondiali (Citroen,Ford,Bmw,Peugeot,Skoda,Volksvagen)
    Ma pensate che i rally,siano seguiti da quattro gatti che poco capiscono di auto da corsa ,visto che queste non corrono nei circuiti ?
    O forse,visto che non c’è la Ferrari con Domenicali, non si saprebbe di che parlare?
    Sono certo,che tra un servizio sulla Ferrari,Massa,Montezemolo e su Valentino , Ducati e le confessioni di Uccio, un angolino per raccontare i rally veri,non ci starebbe male…

  5. @Stefanozzo
    ..praticamente dopo Prost e Mansell in Ferrari non ci sono più stati 2 piloti big alla guida delle rosse, se ci pensi quello che succede ora a Massa è successo prima a Irvine e poi a Barrichello con Schumacher, la differenza al momento è, che Massa dopo l’incidente non è più riuscito a esprimersi neanche come seconda guida e questo almeno a me personalmente, mi dispiace….oltre tutto leggendo qua e la in vari forum di F1, tutti inneggiano a Kubica, senza forse rendersi conto, che anche lui ha subito un bruttissimo incidente e a differenza di Massa che dopo, non molto è risalito in macchina, lui è due anni che è fermo e questo non è assolutamente una cosa positiva per un pilota di F1..

  6. @ stefanozzo

    quindi seguendo il tuo ragionamento e tirando le somme alonso per la ferrari sarebbe un problema??se non ho capito male..!!

  7. Vi giuro che non avrei mai pensato di ritrovarmi a difendere Massa, eppure eccomi qui.
    Premetto che sono un osservatore neutrale della F1 all’incirca dal 1997.
    Quando appresi che la Ferrari aveva ingaggiato Massa nel 2006, rimasi molto deluso e perplesso dalla scelta della casa di Maranello.
    In seguito scoprì che il manager di Massa era il figlio dell’allora DS Ferrari e, dopo aver fatto 1+1, capì come girava il mondo.
    Allora pensavo che Massa fosse un buon pilota con un buon potenziale, ma non un pilota da top team, perchè era poco costante e aveva la tendenza a commettere troppo spesso degli errori.
    Non ho mutato l’opinione che ho di lui eppure al momento trovo un pò esagerate tutte queste critiche.
    Affermare che non ci mette grinta, che non ci mette passione, che è un bidone, lo trovo ingiusto.
    Sono io il primo a dire che probabilmente un Kubica o un Perez otterrebbero risultati migliori di Massa sulla Ferrari, ma attenti a non esagerare e teniamo conto di alcune cose.
    In primis, non scordiamoci che il compagno di squadra di Massa è mister Santander, cioè uno dei più forti piloti di questa F1 (i numeri parlano per lui) che, come se ciò non bastasse, gode dell’appoggio incondizionato ed incontrastato di squadra, sponsor e dirigenza (a torto o a ragione non voglio star qui a sindacare).
    Felipe è un ragazzo che soffre molto di questa situazione (è un suo limite) e in più ha l’aggravante di essere in scadenza di contratto e di essere stato messo sotto esame, cosa che invece di motivarlo a dare di più, lo mette ulteriormente sotto pressione (altro limite di Felipe).
    Poi se guarda dall’altro lato del box si deprime ulteriormente: Nando ha il posto assicurato fino al 2016 (anche se credo abbia previsto clausole rescissorie legate alla competitività della macchina ma è solo una mia ipotesi).
    La Ferrari è tutta concentrata su Fernando: quando parla lui tutti pendono dalle sue labbra, quando parla Felipe è già tanto se lo ascolta il suo ingegnere di macchina.
    Allora che dire di Felipe? è un pilota in crisi di risultati e di autostima che avrebbe bisogno prima di tutto di ritrovare fiducia in se stesso.
    Potrebbe anche riuscirci con alcune belle gare e con l’appoggio del team, gli farebbero capire che credono ancora in lui e lui farebbe capire di esserci ancora come pilota.
    Purtroppo, però, la situazione in Ferrari è la peggiore che potesse capitargli: infatti era stato condannato a vincere senza però mai riuscirci, neppure quando il team era tutto per lui.
    Avrebbe voluto far vedere di essere un pilota vincente e caparbio, avrebbe dovuto dimostrare che non era il secondo di nessuno e fino al 2009 si sentiva coccolato ed apprezzato, ma da quando è arrivato Alonso in Ferrari gli ha rubato senza pietà la scena e la squadra.
    Per cui non dimentichiamoci di questo: in Ferrari al momento chiunque guidi la seconda vettura rossa dovrebbe fare i conti con Santander e con Alonso.
    Per cui mi chiedo, quanti piloti desidererebbero così tanto il sedile di Massa sapendo che avrebbero la stessa considerazione che ha l’uomo delle pulizie e che qualunque cosa facciano o qualunque cosa succeda saranno sempre destinati ad essere i secondi di Alonso?
    Alla fine via Massa e dentro un altro al suo posto? Ok, mi trovate d’accordo, io non lo avrei nemmeno preso nel 2006, però non esageriamo con le critiche e soprattutto scordiamoci di vedere un Alonso 5° a Melbourne e la Ferrari numero 6 che taglia il traguardo entro una decina di secondi dopo di lui, perchè ora come ora il team è tutto concentrato su Fernando.
    E allora, per chiudere il discorso, chi potrebbe finire sulla Ferrari numero 6?
    Ecco, forse un giovane affamato (di vittorie s’intende!) sudamericano, oppure un altro Massa…

  8. Montezemolo difende Massa:”in giro non vedo fenomeni”.Ma quante macchine farà vendere in sudamerica,Massa?

  9. onelap
    ma che centra il piccolo kamikaze? vuoi togliere dalla sauber uno che tira sempre fuori le balls e che non ha paura di niente, per metterci un pilota in fase depressiva?e vuoi togliere un pilota in fase depressiva per mettercene uno a carriera finita (in f1)che non farebbe meglio del buon fisichella?lasciatelo andare in pace in qualche serie turismo a jarno che qualche soddisfazione se la prende e ce la fa prendere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *