Lewis sta cambiando

Dicono che le batoste a volte siano educative. La scorsa stagione Lewis Hamilton ne ha presa una grave. Ha collezionato tanti provvedimenti disciplinari da diventare l’osservato speciale dei commissari per poi chiudere il mondiale alle spalle di un compagno di team che nessuno ha mai considerato un predestinato. Le persone con grande talento innato spesso faticano a mettersi in discussione perché hanno una consapevolezza enorme di sè costruita sull’ammirazione altrui.Hamilton bambino prodigio avrebbe potuto schiacciare Hamilton, impedirgli di diventare un campione sul serio. Invece Lewis ha dimostrato di avere l’umiltà di chi sa imparare la lezione. Ha trasformato la sconfitta dello scorso anno in una occasione per cambiare, per lavorare come quelli umili non consapevoli di avere un talento. Il risultato di Barcellona non sta nella rimonta da 24esimo a ottavo, sta nella trasformazione di uno che infila una serie di atteggiamenti da pilota maturo.
Non s’impunta sulla delusione che deriva da una penalizzazione estremamente severa (nel paddock considerata eccessiva dalla maggioranza). Dalla sua domenica in salita lascia fuori la rabbia. Non si scompone nemmeno quando un problema alla sosta lo ricaccia indietro come in quei sogni brutti che ricominciano sempre da capo. Ragiona, conserva la mente lucida comprimendo le emozioni.
Le persone di talento viaggiano principalmente a istinto, Lewis inizia a viaggiare su un doppio binario, che include anche la scelta meno facile. Non è più il ragazzino terribile, è un pilota completo. Lo vedremo probabilmente ancora fare mosse azzardate. Ma sta cambiando e fa paura.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

9 risposte a “Lewis sta cambiando

  1. I miei complinenti alla Anna Capella che trovo proprio brava sin da quando stava a sportitalia… infatti in passaggio alle reti più in vista lo trovo meritato… e oltretutto ha quel modo di porsi e quel faccino che trovo intrigantissimi… brava anna… brava e sexy!

  2. Io aspetterei qualche gara prima di fare questo tipo di considerazione, se non sbaglio l’anno scorso i “colpi di testa” di ginetto iniziarono da Montecarlo……

  3. si perfettamente d’accordo.. sembra davvero un pilota più maturo… sembra che abbia imparato qualcosa da button.. E lui in più ci mette il suo incredibile talento

  4. @ Anna Capella
    Gentile Anna (mi permetto di darti del tu e chiamarti con il nome) volevo solo farti i complimenti per i tuoi articoli e i tuoi servizi. Secondo me sono sempre precisi e coerenti, spesso più dei tuoi altri colleghi. Inoltre apprezzo molto la tua “cattiveria” – se così si può definire – nei confronti del circus e dei suoi protagonisti. Complimenti davvero!!! Ps su quest’articolo concordo sull’esagerazione della punizione, ma credo che Hamilton spesso sia stato trattato anche con un certo occhio di riguardo, tipo quando gli hanno rimesso la macchina in pista nel 2007…

  5. E’ vero che Hamilton è cambiato mai in peggio: con tutte quelle sanzioni -quasi tutte immeritate- hanno tarpato le ali a Lewis! L’inglese lottava alla pari con Alonso mentre quest’anno ha addirittura guidato peggio di Button (con tutto il rispetto per Jenson che comunque è un campione del mondo e un ottimo pilota). Comunque grande gara per i piloti (Alonso, Hamilton e Raikkonen) pessima per i muretti box: la McLaren quest’anno ha buttato via molti punti per errori al muretto o ai cambi gomme, la Lotus e la Ferrari invece ancora non hanno capito che è meglio anticiparle le soste piuttosto che ritardarle.

  6. @DevilSpeed
    Gli errori della squadra sono innegabili, e sono la maggiore causa del ritardo che la McLaren ha rispetto a Vettel ed Alonso.. però anche Hamilton e Button in gara sembrano essere meno precisi che in prova.. insomma, è un insieme di cose che per il momento ancora mi fa dire che per incensare Hamilton aspetterei gare migliori (che sicuramente arriveranno, come in passato).

  7. Onestamente non mi sembra il momento adatto per incensare Hamilton.
    La McLaren è la macchina migliore da inizio anno, ma stà raccogliendo pochissimo rispetto a quello che potrebbe. Poteva essere già molti punti avanti rispetto a Red Bull e Ferrari, invece è dietro nonostante la macchina migliore praticamente in tutte le prove!
    Quindi, di che stiamo a parlare, fino ad ora sia Hamilton e Button stanno raccogliendo poco, per una serie di errori e sfortune incredibili.
    Da Hamilton mi aspetto molto di più!

  8. bellissimo articolo che condivido in pieno..hamilton nei primi 5 gp ne ha avute di tutti i colori ma sorride sempre e in pista raccoglie il massimo…sembra un altro pilota rispetto all anno scorso e quando la dose di sfiga finira allora ci fara divertire…forza lewis !!

  9. Hamilton paura l’ha sempre fatta, forse dopo la passata stagione ha semplicemente capito che rende di più frenare un pochino la sua irruenza e fare sempre punti ad ogni gara, per quanto pochi, piuttosto che fare manovre al limite rischiando il ritiro o penalità che non gli consentirebbero di portare a casa dei punti preziosi.
    Potrebbe ispirarsi al passato: quanto ha sprecato uno come Mansell con la sua foga?
    Inoltre vorrei segnalare a tutti gli appassionati che in McLaren è in fase di realizzazione un libro che uscirà in tutte le edicole a partire dal 26 Novembre dal titolo “Come buttare via i mondiali in x semplici mosse” dove la x verrà rimpiazzata dal numero totale degli errori commessi quest’anno dalla scuderia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *