Finalmente libero

Ha gli occhi lucidi di pianto come ne abbiamo visti tanti, di quei piloti vecchi e a fine carriera, annunciando il ritiro. Solo che Casey Stoner di anni non ne ha ancora 27 e si rivela alieno anche in questo.
Fino a qui avevamo pensato tutti che la voce che girava da un po’ fosse magari strategica, tipo una maniera di indurre la Honda a riconoscergli anche economicamente il valore che meritava. Il più alto di tutti in questo momento.
Difatti la Honda ha agito, al meglio delle proprie astronomiche possibilità, con il risultato che Stoner resta Stoner anche dicendo di no ad un pacco di milioni come non l’aveva mai visto prima e mai più lo rivedrà in nome del principio per cui la serenità non si compra e non ha prezzo.

 

Coerente fino in fondo nella sua insofferenza cronica al mondo in cui era costretto a vivere. Il mondo che aveva sempre sognato e che poi ha scoperto essere diverso da come se lo immaginava. Ha detto che ci pensava da un paio d’anni, che la sua famiglia gli è stata vicina nel decifrare i sentimenti che lo hanno portato a questa scelta così triste e totale. Ed è negli occhi della moglie, di nuovo in pista per l’occasione, che ha buttato i propri, bagnati da una lacrima in fuga come lui, quando ha finito di parlare. Finalmente libero.

Perchè a quanto sembra di liberazione si tratta. Dalle cose un po’ ovvie, tipo le invidie, gli sberleffi delle tifoserie altrui, i graffi degli avversari, la stampa sempre in punta. A lui non andava insomma ciò che per tutti i ragazzi che sono qui a correre è una parte calcolata nel monte delle regole del gioco. Ci vogliono palle e coraggio per dire basta quando hai dimostrato scientificamente che in questo momento non c’è in giro per il mondo nessuno come te. Lo fece Troy Bayliss, con una moglie alle calcagna e l’anagrafe contro e lo fece Pirmin Zurbriggen. Lo fanno quelli tosti e un po’ taciturni, avulsi dall’ambiente in cui operano.

Perchè a dir la verità Casey Stoner è sempre stato un diverso; uno serio, riflessivo, professionale fino al paradosso, raramente sorridente, in un mondo nel quale i colleghi giocano con l’allegria e l'”ignoranza” tipica del motociclista a fare il pilota, tendono a divertirsi, a sposarsi il più tardi possibile, a voler guadagnare molti soldi facendo qualcosa che dà gusto come nient’altro. Lui no. Lui sta bene solo in sella e solo dal semaforo alla bandiera mentre tutto il resto -prove comprese – è, o è diventato, un peso che ha schiacciato la sua passione fino a lasciarne un velo.

Si ferma appena prima di odiare le moto che ha sempre amato e si aiuta scaricando davanti alla stampa tutta una serie di motivazioni che contengono un rancore troppo antico per essere vero. Roba vera come le regole che rischiano di snaturare il senso del mondiale prototipi, ma anche roba vecchia, sorpassata e battuta dai fatti eclatanti che ha prodotto semplicemente guidando la Honda in quel modo che lascia ammutoliti, sempre più. Ora, oltre all’ammirazione non possono che rimanere il rispetto e l’intima ma inutile speranza che la sua follia da gara si riaffacci tra qualche mese in Casey Stoner per rimandarcelo in sala stampa a dire che aveva scherzato. Il suo modo di ammazzare gare e mondiali passando di traverso sui cordoli vale il prezzo del biglietto. Mancano altre quindici corse prima di dare luogo al proposito. È capace di vincerle tutte portando ogni volta a casa, dove felice lo è davvero, la sua tenera e rabbiosa infelicità.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

52 risposte a “Finalmente libero

  1. Anche Lucchinelli ha vinto un solo mondiale eppure é ricordato tra i grandi.
    Kenny Roberts e Randy Mamola rispettivamente 3 il primo ed addirittura nessuno l’altro eppure vengono ricordati.
    Quindi come vedi ci sono tanti fattori che ti fanno diventare leggenda.

  2. grandecaseypducati penso che tu abbia espresso le tue verità.
    Kevin Schwantz ha vinto un mondiale 500 e casey Stoner due Gp.
    Non é che ci sia stata tutta questa differenza.
    Leggenda si diventa non solo con le vittorie ma anche con alcune memorabili gesta in pista tipo sorpassi, derapate, sportellate e quant’altro.
    Poi anche tenedo conto di quanto detto sopra sia per le vittorie che per le gesta in pista dove Stoner ha messo in ombra Rossi?
    Dimentichi tutti i mondiali vinti in tutte le classi per il pesarese?
    Dimentichi tutti sorpassi che Rossi gli ha rifilato, ultimo quello di Le Mans di Domenica scorsa?
    Va via per sua scelta e non perchè lo ha costretto qualcuno.
    Magari poteva continuare, magari non regge lo stress di un ambiente particolare, magari dopo la morte del grande SIC gli é subentrata una paura recondita incentivata dal diventare padre chissà.
    Di sicuro insieme a Vale e a Jorge è il miglior pilota del motomondiale e non ci sono dubbi su questo però bisogna essere più obiettivi e ponderati nelle dichiarazioni.
    Poi si può tifare per uno o per l’altro per carità.
    Io personalmente tifo Rossi ma anche Jorge mi sta entrando pian pianino nel cuore anche perchè l’ho rivalutato molto a livello umano dopo la morte del Sic ai suoi funerali quando ha abbracciato il papà di Marco.
    Ma non discuto e mai metterò in dubbio la grande capacità e il talento dell’australiano.

  3. iil problema é che la gente non conosce la parola coerenza .per fare un esempio keviv shwanz è un idolo di molti motociclisi ma in tutta la carriera non ha vinto neanche la metà di stoner che si ritira a 27 anni e sicuramente stoner ha molto piu talento di shwanz..stoner ha soltanto la colpa di essere un fenomeno che con il suo talento cristallino ha messo in ombra rossi il quale ha fallito dove stoner ha stavinto e non ha vinto 3 mondiali solo per mancanza di esperienza.scusate ho detto un pò troppa verità

  4. kingofconvenience il motivo per cui Stoner si sta ritirando è esattamente quello:lui si è dannato l’anima per tutto il periodo Ducati,appena ha messo le mani su un’altra moto ha rivinto il titolo eppure c’è gente come te pronta solo a criticarlo…fa bene,se non lo apprezzate e non siete in grado di rendergli i meriti che ha(dai tifosi ai giornalisti ai team manager,tutti…)è meglio andarsene…a me mancherà tantissimo,un pilota come lui è insostituibile….in Portogallo ti sembra che non abbia resistito alla pressione di Lorenzo?e ad Jerez?ma di cosa stai parlando?????è molto facile seguire un avversario,fare il ritmo con un altro alle calcagna è molto più difficile,eppure lui lo fa regolarmente e vince!!!!!il punto è che è troppo bravo,gli altri(compreso Rossi)non sono nè veloci nè costanti come lui…..

  5. kingofconvenience ANCORA LAGUNA 2008?PER CORTESIA BASTA…PER FAVORE PARLAMI DELLE ULTIMO ANNO E MEZZO,E DAMMI SPIEGAZIONI PLAUSIBILI SUL PERCHè ROSSI NON FA GUASI MAI,MAI MAI LA DIFFERENZA SUI SUOI COMPAGNI DI SQUADRA..,AGGIUNGO QWUESTO PEZZO DI INTERVISTA FATTA A SUPPO PER FARTI CAPIRE CHE PRIMA DI PARLARE DI CASEY DEVI CHINARE IL CAPO E CHIEDERE SCUSA

    Un’ultima domanda: Stoner si é congedato dal Mondiale criticando tutto e senza un grazie..
    “[Stoner] ha un talento infinito, ma non é diplomatico: dice quello che pensa. In questo mondo si vive molto più facilmente se si ha la capacità di mentire, ma questo non é il suo caso.”

  6. Buongiorno a Tutti ,io invece ho altre opinioni,ovvero.
    Stoner è sicuramente un eccellente pilota ,oggi sicuramente il più forte in termini di prestazione assoluta.Ma questo non significa che lo sia in una gara o in un campionato.
    Stoner opportunamente pressato e attaccato sbaglia ,lo dimostra il 2008 di Rossi/Stoner o qualche rara occasione di Lorenzo/Stoner.
    E i campionati si vincono combattendo tutte in tutte le gare.Questo non toglie il fatto che Stoner sia veramente forte e che lui sulla Ducati sia stato sempre superiore a Rossi.Questi sono fatti e nessuno li può cambiare ,ma non significa altresì che sia un pilota migliore di Rossi o Lorenzo.Sicuramente lo stile di Stoner è incredibile ed è sicuramente e lo ripeto molto forte.
    Adesso passiamo all’altro aspetto ,ovvero che lui non sopporta il circus ,di come i tifosi lo trattano delle prove e che l’ambiente gli è ostile.
    POVERINO ,COME VIZIATO IL BAMBINO.
    Ma cosa vuole ,stà facendo la cosa che gli piace ,ci vince pure ,lo pagano montagne di denaro e LUI POVERINO non accetta che i tifosi di Rossi gli tifino contro (ha mai visto un derby MIlan/ Inter ) o qualsiasi altro evento sportivo che non sia moto.
    Poverino i giornalisti lo puntano sempre ,ma cribbio uno come lui che dovrebbe solo sorridere alla vita dice che è STANCO.
    La realtà e che forse come uomo non è mai cresciuto corre da quando era ragazzino e forse una vita normale non la mai fatta ,forse dovrebbe arrabbiarsi con suo padre che forse è il vero artefice di questo scempio emotivo.
    In definitiva meglio un Rossi( che non da guidare la Ducati come Stoner ) che si dana l’anima per fare secondo a Le mans o un Lorenzo che vola sullì acqua che uno Stoner che domina ad Estoril e non sa dire due parole semplici al cronista.

  7. iiron100.non ti conosco come blogger comunque concordo pienamente con quello che hai scritto anche perché io ho avuto la sfortuna di essere presente a misano nel 2008 quando stoner era in testa facendo un altro mestiere e quando è caduto i tifosi di rossi anno esultato piu di quando vinceva rossi.queste cose solo in italia possono succesdere .la gente é schiava di un fenomeno mediatico creato ad arte dai media .ma chi é intelligente e competente queste cose le sa. Io spero per la ducati che quello di oggi sia l’ultimo podio di rossi perchè se rinnova il contratto non guarderò piu la motogp.

  8. Salve a tutti.
    Io sono da sempre un grande tifoso di Casey e mi spiace molto che si ritira,ma visto le motivazioni del suo ritiro lo capisco e sono d’accordissimo con lui.
    È risaputo che l’ambiente della motogp è brutto,e si sapeva che molta gente del paddoc era e lo è ancora contro Casey,è questa è una gran brutta cosa per il campionato di punta motociclistico.
    Poi cè da dire che anche il pubblico nelle tribune delle piste italiane è veramente pietoso!!vanno a vedere la motogp pur nn capendo nulla di moto e corse…solo perche cè rossi…che è bollito!!e mercenario solo a caccia di €!e tanti €..!
    Casey invece è onesto e non gli importa dei soldi e popolarità!Giustamente!
    Poi sapete io ho avuto il piacere di andare in Australia per diversi mesi,e devo dire che è un vero paradiso terrestre!!non sarei mai e poi mai più voluto tornare in Italia poichè in Australia sia la gente e sia la vita sono ampiamente superiori all’italia in generale!!e all’europa!!
    Perciò capisco Casey ancora di più!
    Bye

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *