A scoppio ritardato

Vien da dire meglio tardi che mai. Solo oggi infatti la commissione tecnica della Federazione Internazionale ha comunicato alla Red Bull che il fondo piatto della macchina, contestato a Monaco per la presenza di fori subito davanti alle gomme posteriori, è illegale. Nel frattempo Mark Webber a Monaco ha vinto e Sebastian Vettel è arrivato quarto. Punti pesanti quelli conquistati sull’asfalto del Principato che tengono entrambi incollati alla Ferrari di Alonso e davanti alla McLaren di Hamilton, macchine che fin qui non hanno messo in pista alcuna soluzione al limite o oltre il limite del regolamento.

Si dice che Newey abbia approfittato delle solite zone grigie che da sempre presentano le normative tecniche. Bene, stavolta il genio è andato oltre e la FIA se n’è accorta a scoppio ritardato anche se segnali di malumore sul fondo piatto della Red Bull erano stati ampiamente espressi lo scorso fine settimana. Il fatto è che nessuno a Monaco ha presentato un reclamo ufficiale e che, di fronte a un evidenza, chi governa questo sport è rimasto fermo fino a domenica sera, ratificando il risultato della corsa salvo poi raccontare una settimana dopo che il risultato in questione è stato ottenuto con una macchina che non rispetta le regole. Il provvedimento ovviamente non è retroattivo. La Red Bull dovrà infatti cambiare a partire dal Gran Premio del Canada della settimana prossima. Insomma è un po’ come beccare un atleta dopato dopo una gara, lasciargli la vittoria, raccomandandogli di farsi trovare pulito alla corsa successiva. Paradossale ma è così.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

18 risposte a “A scoppio ritardato

  1. @chiinteressaparlaredimercato
    Hamilton non ha ancora rinnovato. L’intenzione della McLaren è quella di confermarlo e l’intenzione di Lewis è quella di continuare a correre per la scuderia di Woking o almeno queste sono le parole di Johnathan Neale.
    Con la scusa che c’è ancora molto tempo non si parla del contratto di Lewis; ma se si fosse chiamato Ayrton Senna, avrebbero temporeggiato così???
    Ipotesi mia: è Lewis che temporeggia, perchè forse gli sta succedendo quello che successe a Senna con la Williams nel ’92-’93.
    Con Webber in scadenza, accostato più volte alla Ferrari, forse Lewis cambierebbe aria e allora quali scenari???
    Webber in Ferrari, Hamilton alla Red Bull, Massa in McLaren???…???

  2. il mio commento è: piove sul bagnato! è anni che la fia prende decisioni che non hanno un senso logico, una volta si pensava che fosse colpa di Mosley ora non si sa…ma che succede a quelle persone che si siedono sulla poltrona della fia? mi sembra che si fa come nel calcio…l’arbitro prende una decisione 5 giocatori che si lamentano e la decisione viene cambiata…boh…io direi che i punti fondamentali dovrebbero essere: idee chiare e pochi condizionamenti, se no finisce come nel calcio.

  3. @Terruzzi
    La pregherei di aggiornarci sulla situazione di Robert Kubica e, se può, dirci tutto quello che sa perchè se non ho capito male in questi giorni si sottoporrà ad un nuovo intevento al gomito che gli permetterà di “maneggiare” correttamente il volante.
    Ed in seguito avrà bisogno di circa un mese per la stabilizzazione.

  4. ogni anno la solita storia di scuderie che si inventano ordigni vari per vincere, ma io credo che nel 2012 siano andati tutti a scuola quindi sanno leggere e scrivere e ancor di più interpretare i regolamenti, quindi o chi li legge è ignorante oppure chi li scrive non si sa spiegare!

  5. VARLECCCHINO – 2/06/2012

    cmq vettel è più scarso di massa, riesce a vincere solo con macchina irregolare, se la macchina ha problemi webber gli stà fisso davanti

    VETTEL E’ SOPRAVVALUTATO! FORTE SE HA LA MACCHINA ALTRIMENTI E’ UN NORMALE PILOTA, FORTE SIA CHIARO MA NORMALE. SI E’ TROVATO UN AEREO NEGLI ANNI PRECEDENTI!

  6. Helmut Marko ha dichiarato che la Red Bull non aveva comunque intenzione di usare quella soluzione per il gran premio del Canada ed è convinto che le prestazioni della macchina non saranno quindi penalizzate dalla decisione della FIA.
    La Red Bull aveva usato quel fondo “bucherellato” anche nei gran premi del Bahrein e in Spagna.
    Vediamo se mi cancellano anche questa volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *