Pazzo pomeriggio ferrarista

Presente, passato e passato remoto della Ferrari si sono ritrovati sul podio, nel magico e allo stesso tempo pazzo pomeriggio di Valencia. Raikkonen aveva preso il posto di Schumacher. Alonso aveva fatto lo stesso con Kimi. Insieme Schumi e Raikkonen hanno vinto 6 mondiali in rosso e ora tocca a Nando allungare la serie. Quello che ha fatto in riva al Mediterraneo è un deciso passo in questa direzione. Certo, Alonso ha sfruttato il fattore C, con la concorrenza che ha subito l’insidioso abbraccio della sfiga, ma il fattore T, nel senso del talento, è stato determinate dentro questa domenica che per la Ferrari si prospettava di profilo basso.

Sabato Alonso era rimasto fuori dal terzo round delle qualifiche per 4 millesimi di secondo. Una controprestazione utile a scatenare la critica più feroce. 24 ore più tardi è maturato il trionfo. Una collana di piccoli capolavori che messi assieme hanno proiettato Alonso lassù. Prima la partenza eccezionale, poi i sorpassi da cineteca quindi una visione perfetta della gara. Crederci sempre è il segreto di Alonso, un pilota che riesce a motivare la squadra anche quando la situazione è critica, quando il mondo è pronto a metterti sotto processo salvo poi dimenticarsi tutto in fretta e salire sul carro per la festa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

62 risposte a “Pazzo pomeriggio ferrarista

  1. Ciao Patrick in effetti il tiloto non rispecchia pienamente il contenuto del testo, per come possiamo intenderlo a primo impatto e potrei dirti facilmente che e8 stato fatto a posta, sai meglio di me che il tiloto conta : ) Ma in realte0 non e8 cosec in realte0 ho inteso come fregature non solo quelle cose che ti possono capitare in ostello causa dimenticanza o poca attenzione del personale, ma tutte quelle piccole cose che puoi ricordarti solo tu e che una volta arrivato in ostello ti fanno capire di non essere rimasto fregato .Magari c’e8 chi non e8 mai stato in un ostello e non sa che lec non trovere0 asciugamani ne saponette nel bagno, che spesso i bagni sono in comune e le camere non hanno dei portaoggetti personali. Quindi la fregatura in questo caso e8 intesa come dimenticanze personale che con un po’ di attenzione non rendono il soggiorno un disastro.Grazie comunque del tuo commento ; )

  2. padrone.macchia ! SCUSATE MI PERMETTO DI NON ESSERE D’ACCORDO! LA COLPA NON E’ DI MALDONADO MA DI HAMILTON SI VEDE CHIARAMENTE CHE LO SPINGE FUORI QUANDO AVEVA TUTTA LA MACCHINA DAVANTI, LA STESSA MANOVRA NON L’HA INVECE FATTA QUANDO E’ STATO SUPERATO DA GROSJEAN ERA TRE METRI PIU’ ALL’INTERNO E NON E’ SUCCESSO NIENTE STESSA COSA PER I SORPASSI DI ALONSO GLI ALTRI SONO STATI CORRETTI, STESSA STORIA OGNI VOLTA HAMILTON SBAGLIA E GLI ALTRI PAGANO!!!!!!

  3. @Stefanozzo : certo che mancano all’appello 300 punti, ma proprio per questo e’ “bello” sbilanciarsi.Altrimenti…troppo facile… 🙂
    Inoltre c’é una certa logica a sbilanciarsi quando si arriva circa a metá campionato : le squadre NON in lotta , difficilmente portano aggiornamenti o investono ancora nell’anno in corso.Lo ha fatto perfino la Ferrari nel 2011…Figuriamoci altre squadre.

  4. Stefanozzo, è vero non si può mai dire quello che succederà (e personalmente più piloti lottano per la testa del mondiale più io mi divertirò) dicevo solo che probabilmente a questo punto se la possono giocare in 4, Alonso, Vettel, Hamilton e Raikkonen. Ti spiego quello che penso: Webber non può vincere -è il solito discorso di boicottaggio stile 2010- perchè al muretto troveranno il modo di farlo arrivare dietro al compagno. E’ una cosa davvero ingiusta e antisportiva ma se Marko vuole così non ci si può fare niente (lui paga, lui decide). Per quanto riguarda Button e Grosjean (piloti forti che potrebbero aspirare all’iride) credo che saranno frenati dagli inevitabili giochi di squadra. Gli unici tra i non menzionati tra i pretendenti che potrebbero invece far bene sono Schumi e Rosberg. In teoria se la Mercedes migliora possono fare grandi cose ma visto l’andazzo ne dubito.
    Su Hamilton ti dò pienamente ragione: la colpa dell’incidente era di Maldonado ma il mondiale se lo stava giocando lui. Comunque tu chi vedi in lizza per il titolo?

  5. @padrone.macchia e ayrtonforever
    mi permetto di dissentire su quello che dite, nel senso che io aspetto sempre che sia la matematica a stabilire chi può o non può vincere il mondiale: con 12 gare da correre e 300 punti a disposizione potrebbe succedere ancora di tutto, perfino Kartikeyan potrebbe ancora vincere il mondiale (non che mi io aspetti che questo succeda!!!).
    Certo se guardiamo l’andazzo delle ultime gare allora sono anch’io dell’idea che sarà una lotta a tre come avete detto; ma aspetterei a dire Tizio è tagliato fuori o Caio non ce la può fare.
    Sopratutto tenendo conto di quanto quest’anno le squadre siano vicine e di quanto cambino i valori da gara a gara.
    Indubbiamente chi avrà più testa sarà avvantaggiato e questo credo sarà un enorme handicap per Hamilton perchè (e qui mi piacerebbe che mi leggesse benjy88 perchè non voglio provocare ma solo riflettere) ha dichiarato che l’incidente con Maldonado non cambierà il suo approccio alle corse.
    Forse è solo una dichiarazione di facciata per mostrarsi forte ma se non lo è allora male, uno dovrebbe imparare dai propri errori.
    Indipendentemente da chi abbia ricevuto la penalità (che comunque io non avrei dato) Lewis ha buttato via dei bei punti.
    Con questa mentalità certamente coglierà dei successi in cui dimostrerà la sua forza e la sua tenacia, però incapperà anche in Domeniche come quella di Valencia dove in sostanza vanifichi una prestazione con la p maiuscola come quella del Canada.
    è così che si perdono i mondiali, 2010 docet.

  6. ayrtonforever, probabilmente sì: Button, Schumi e Rosberg l’hanno già perso (Fernando si riferiva sicuramente a loro), Webber è impossibile che vinca -ci ricordiamo tutti il 2010 in cui pur di far perdere Webber la Red Bull ha rischiato di far vincere Alonso-. Io metterei nella mischia anche Raikkonen. La Lotus è la seconda miglior macchina -e comunque la più facile da guidare- e se il finladese comincierà a correre bene sarà sicuramente un candidato. Dei tre credo anch’io che Alonso sia il favorito perchè l’ho visto sempre concentrato ed attento. Occhio a Hamilton che mi sembra molto voglioso di raggiungere il secondo titolo mondiale.

  7. Io credo che il titolo sará una cosa a 3 : Alonso, Vettel, Hamilton. Con una differenza : l’unico tra questi a non avere nessun aiuto dal compagno e’ Alonso. Gli altri, Button e Webber ( secondo in classifica!) possono mettersi in mezzo in certe gare aiutando i relativi compagni. Massa cosa puo’ fare ? Arrivare al traguardo senza danni ? Forse.
    Ripeto, manca ancora piu’ di metá campionato, ma Alonso da gran stratega che e’, ha detto giustamente :”nessuno ha vinto il mondiale, ma alcuni lo stanno perdendo” . Analisi che condivido, e molto lucida.Il mio favorito resta Alonso.La macchina piu’ forte e’ la RB.Vettel coccolino del team, e Webber secondo in classifica: occhio.

  8. TouchTooMuch, Raikkonen ha un talento incredibile, infatti come ti ho scritto sono sicuro che a Spa vincerà (anzi, io mi aspettavo la vittoria nella gara in cui è arrivato secondo ma molto vicino a Vettel). Però volevo fare 2 precisazioni: al Nurburgrring ci corrono un anno sì ed uno no (lo alternano con Hockeneim) e nel 2007 Alonso proprio lì fece una gran gara con un sorpassone all’esterno ai danni di Massa (addirittura si toccarono abbozzando entrambe le fiancate). Comunque c’è una differenza tra un talento ed un campione: il talento riesce a fare delle gare straordinarie ma ne fa alcune incolore il campione fa come Alonso (si ripete gara dopo gara senza mai fare un errore). In generale penso sia meglio fare tutte gare da nove che fare un paio di gare da 10 ed altre da 7. Per il campionato comunque io Kimi lo vedo molto bene, se guiderà un pò meglio potrebbe anche vincere il titolo.

  9. Raikkonen sta facendo maluccio però ha tanti punti e una gran macchina, se si sveglia potrebbe anche giocarsi il mondiale, soprattutto se la FIA punirà la Red Bull per l’ ennesima furbata irregolare ovvero la zavorra mobile che sarebbe la causa dell’ enorme differenza improvvisa di prestazioni tra la red bull e le altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *