Il mercato del pesce

Claudio Corti, comasco, secondo pilota italiano del mondiale moto2 con un decimo posto in classifica generale e la possibilità di migliorarlo, è a piedi a partire dalla prossima gara in Giappone e sarà sostituito da Toni Elias. Per quanto il team Italtrans – che è economicamente in salute – spieghi in maniera laconica come il licenziamento si rifaccia ad un “comportamento inadeguato” fuori dalla pista, ci permettiamo di avere dei dubbi.

Corti è uno spirito libero sì, un gioviale, un discolo, un giamburrasca, un intemperante a voler esagerare, ma un intemperante dall’animo buono.

Che – come si dice – non si sia presentato ad una sessione di autografi, che sia entrato in hospitality senza i pantaloni di ordinanza o che ad Indy sia andato ad una festa – per ridere – con parrucca e baffi finti, non è abbastanza. O meglio: non è abbastanza per un mondo che tollera di molto peggio. Son motivazioni deboli, sempre ammesso che non ci sia dell’altro di cui siamo all’oscuro. Ma siamo disponibili ad ascoltare.

Corti non porta milioni e nemmeno ne chiede anzi, sostiene in proprio parecchie delle spese di viaggio in un mondiale che sta onorando. E’insomma uno che, stante la posizione in classifica, faresti fatica a licenziarlo pure se ti incendiasse la macchina.

Il fatto è che lo stesso team Italtrans che oggi non lo vuole più, non più tardi di un paio di settimane fa aveva proposto a Corti di scambiare la propria sella con quella di Iannone; come fosse un premio, un avanzamento di carriera. Perchè?

E perchè poco dopo lo stesso datore di lavoro gli aveva offerto anche di passare in Motogp al posto di Mattia Pasini? Claudio Corti aveva risposto di voler finire il mondiale con il proprio mezzo.

Del resto se Iannone intendeva lasciare la moto del team di cui è socio il proprio papà, perchè avrebbe dovuto essere un affare per Corti? Non è chiaro, e lo strano doppio tentativo di “promozione” non ci pare oggi compatibile con l’appiedamento improvviso per quei non meglio specificati motivi comportamentali.

E’certamente una questione di soldi invece l’appiedamento di Pasini da parte del team Speedmaster, lo stesso che fa riferimento alla famiglia di Iannone, per lasciar posto a Roberto Rolfo. Pasini è addirittura un pilota che ha impegnato buona parte dei propri averi per finanziarsi questa stagione in MotoGP-Crt. Ora non gli è consentito arrivare in fondo presumibilmente perchè la gestione delle risorse del team non è stata impeccabile. Il che è triste e un po’squallido, ma non è una novità assoluta.

E’ anomalo invece che in in uno sport professionistico i contratti non vengano depositati presso un organo garante tipo la Federazione, con il rischio di rimanere in sostanza carta straccia. E’triste che l’incolpevole Elias si ritrovi sempre nel ruolo del condor e lo è ancor di più che i piloti possano arrivare ad esporre i propri averi a rischi inauditi in nome della passione per le corse. Perchè quando si fanno i conti con il fine stagione e si apre il mercato del pesce, nella rete restano a scondizolare agonizzanti ragazzi molto appassionati e un po’ privilegiati, ma meno di quel che si pensi e solo finchè dura.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

19 risposte a “Il mercato del pesce

  1. Ciao a tutti, condivido pienamente ciò che Meda scrive.
    ho lavorato per due anni con Corti, e vi posso assicurare che a volte è eccessivo,..ma… è un ragazzo di gran cuore!,ed in un mondo di squali (come quello del moto mondiale) dove promettono tanto ma alla fine ti fregano,lui è uno dei pochi che prima della fine del campionato ha onorato i suoi impegni economici,
    detto ciò il fatto che un ragazzo di 25 anni, con tutti i suoi difetti venga lasciato a casa a 4 gare dalla fine del campionato per il comportamento mi sembra ridicolo!!! e sopratutto deleterio per la sua immagine !!
    considerato anche il fatto che è il suo lavoro
    Vorrei sapere se Elias ha pagato per correre queste 4 gare??? se fosse così si spiega il perche …..soldi….soldi…soldi

  2. mica tutti sono figli di graziano e amici di carlo pernat..mica tutti hanno la possibilità di correre al primo anno al top con moto super ufficiale, con sponsor, compagni di squadra scelti ad hoc…mica tutti sono va-lentino o marquez(infeirore al mitico iannone..)

  3. L’articolo di Meda non è nient’altro che la fotografia di quello che il mondiale è diventato….a leggere bene si leggono le stesse motivazioni che hanno spinto Casey a lasciare…alla fine va avanti chi ha soldi da spendere…e se anche uno ha talento ora diventa veramente difficile emergere se sei senza un dollaro….che schifo

  4. Non capisco perchè Pasini non lo abbiano cacciato prima, visti i risultati e le moto trucidate. Quello che magari non è giusto anche x lui, è relativo al fatto che abbia pagato x correre. A questo punto, per noi poveri mortali, ci spiegate in base a cosa i team prendono i soldi dalla DORNA? Dato che girano fior di soldoni, su cosa si reggono i piccoli team? Sarebbe opportuno che i contratti fossero depositati e che ci fossero clausole chiare che garantiscano sia i team che i piloti. Prchè la FIM latita continuamente?

  5. Mi sembra che si vuole avvolgere tutto in un alone di mistero, quasi di complotto, in realtà l’unico motivo per tutti e due é che sono duri!!

  6. CadaloraFalappa:hai ragione la notizia di corti in sbk l’hai data tu in anteprima,sei ben informato e condivido spesso quello che scrivi. guido meda:speravo che stavolta mi rispondevi,forse sei preso dal lavoro anche se i tui colleghi rispondono.non fa niente mi sei simpatico ugualmente e asscoltero le tue telecronache lo stesso perche’ mi piacciono molto!

  7. Se ogni 2 anni viene cacciato dal team ci sarà un motivo! Yamaha, Suzuki, Forward, Italtrans.
    Cancellatemi anche questa chat….

  8. @getro1974
    Grazie, troppo buono.
    @Alvin46
    Ciao piacere.
    Purtroppo mi censurano…
    Comunque
    trova un post dove parlo male di Rossi,
    tipo che è finito, che è un bluff o altre falsità del genere.
    Secondo
    io do fastidio perché spesso do notizie che qui si sognano…visto quella di Corti?
    Io non ho niente contro loro 2, ma le notizie dovrebbero essere spiegate bene,
    tipo: chi ha preso il post di West in CRT?
    Risposta:
    Mattia Pasini.

  9. Sono daccordo con quello che dice Meda per quanto riguarda Corti, per quanto riguarda Pasini invece ad ogni gran premio mi chiedo perchè lo tengano in squadra, cade sempre nelle prove e in gara al primo giro, purtroppo mi sembra che non abbia nessun motivo per stare dove sta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *