Ferrari, non aspettatevi miracoli

Prima il sacrificio di Felipe Massa, una mossa per certi versi disperata, per consentire a Fernando Alonso di partire sul lato pulito del circuito. Poi un alleato prezioso come Lewis Hamilton che prima del congedo ha voluto regalare una domenica di festa alla McLaren. Così il mondiale resta aperto, perché prima dei titoli di coda di San Paolo Nando riesce a contenere a 13 punti il distacco da Vettel. Ma le buone notizie finiscono qui perché sull’asfalto di Austin Alonso ha beccato quasi 40” da Hamilton e Vettel, una voragine che sottolinea quanto la Ferrari si sia allontanata dalle prestazioni di McLaren e Red Bull in questo finale di stagione. Insomma la verità è che il bilancio della domenica ferrarista è pessimo perché in una settimana è impossibile fare miracoli e anche vincere a San Paolo potrebbe non essere sufficiente per vincere il titolo.
Allora non resta che sperare che per una volta a rompersi – come accaduto anche in Texas – non sia la Red Bull di Webber.
Quindi tocca travestirsi da gufi e sperare nelle altrui disgrazie, perché recuperare in una settimana è impossibile quando non ci sei riuscito in 2 mesi e mezzo. Alonso non vince una gara dal 22 luglio, Gran Premio di Germania.
Lo spagnolo in qualifica continua a fare una fatica bestiale e rischiare sempre in partenza per salire sul podio è ormai un esercizio di stile utile esclusivamente per lo spettacolo. Per descrivere l’umore di Nando basta osservare la sua espressione nel dopo gara. Mascelle serrate e nessuna voglia di sorridere, come se fosse perfettamente consapevole di un finale già scritto. Senza il suo nome stampato sulla coppa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

18 risposte a “Ferrari, non aspettatevi miracoli

  1. Ciao jami83,
    in una cosa che hai detto sono d’accordo: che il mondiale si vince con la macchina migliore…ma per il resto proprio no.
    Alonso è il pilota migliore e lo dimostra tutte le domeniche in cui, partendo in mezzo al gruppo, riesce (salvo tattiche sbagliate dai box) a fare delle grandi rimonte…che purtroppo il più delle volte non servono a molto visto la superiorità delle altre scuderie.
    Se, come hai detto tu, la Ferrari fosse inferiore ad almeno a tre macchine (se non a di più), nando non dovrebbe essere nemmeno secondo in classifica e invece guarda un pò dov’è? A giocarsi il mondiale con Vettel e con la casa che ha vinto il terzo mondiale costruttori!!Mica niente direi!E proprio qui Alonso dimostra la sua netta superiorità su tutti…purtroppo anche con lui la Ferrari non vincerà il mondiale nemmeno quest’anno, salvo miracoli o gufate varie, che però parlando di sport non sono nemmeno il massimo….vedremo!

  2. Lo sport è competizione leale (di solito), e chi è deputato a fare il giornalista sportivo non dovrebbe palesemente augurarsi che uno dei competitori abbia la rottura del motore…
    Ricordarsi di non essere l’ufficio stampa Ferrari ogni tanto farebbe bene…

  3. Non sono un tifosissimo di Fernando ma, in effetti il mondiale non lo merita la Ferrari ma Alonso si.
    Non fosse solo per la tenacia dimostrata. Non ha mai mollato, e non mollerà fino alla fine ed è riuscito dove pochi ce l’avrebbero fatta: lottare per il campionato con una macchina veramente MEDIOCRE. Quando poi hai un fulmine tra le mani è facile vincere e fare il campione. Come lui oggi vedo solo Lewis…l’aspetto l’anno prossimo con una Mercedes che…vedremo cosa saprà inventarsi.

    Mi unisco all’appello di NANO34 e ICEMAN_90: perchè non proponete le puntate di
    GranPrix in streaming sul sito?

  4. ragazzi sono ferrarista ma, mi sto rassegnando come nando…davvero il mondiale si può solo vincere per culo…però dai onore alla ferrari che cmq malgrado le difficoltà si è sempre li…è vero è frustrante non vincere…ma essere sempre li, da qualche parte ci porterà a vincere qualcosa prima o poi…per carità sono rassegnato ma alla botta di culo ci posso anche credere…peccato quest’anno avrebbe premiato la costanza…peccato per i due zero di nando perchè sec me ora vrebbe una ventina di punti in più che magari sarebbero stati sufficienti per vincere il mondiale..ma coi se e coi ma…non si fa nulla! peccato speriamo nel culo…e se noi poi amen…ce la siamo giocata…direi che se ne esce a testa alta cmq!

  5. Ciao a tutti,i vari commenti si accomunano su di una cosa ossia la mancanza di sviluppo della rossa,ed hanno ragione da vendere!;ma siamo all’assurdo che si debba ricorrere a mezzi da oratorio per aiutare alonso………..è arrivato sì terzo ma a 40 secondi!.Ho visto la faccia di massa che intervistato prima del via e alla domanda della giornalista avrebbe voluto spaccare tutto! e non gli darei tutti i torti però è uscito con la sola risposta possibile:è stata una scelta della squadra.Ora vedremo che succederà in brasile sperando di riuscir a fare una buona qualifica dando così qualche possibilità ad alonso e poi se la fortuna sorriderà bene……………altrimenti…………

  6. Arrendetevi,
    la Ferrari quest’anno è stata sempre inferiore ad almeno 3 macchine (RedBull, McLaren, Lotus e spesso anche altre), anche quando ha vinto le uniche 2 gare in stagione (Malesia e Germania). Come si può pretendere di vincere un mondiale?? Il pilota, per quanto possa essere il migliore (che secondo me non è) non può vincere senza la miglior macchina.
    E’sempre stato così, e AlFonso lo sa bene visto che negli unici 2 mondiali che ha vinto guidava la miglior macchina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *