Le ombre di Interlagos

Martedì alla Red Bull hanno fatto festa, ma il terzo trionfo di Vettel si porta appresso una zona d’ombra che si ingrossa ora dopo ora. In Brasile il tedesco ha davvero sorpassato in regime di bandiere gialle? Domenica pomeriggio il primo a formulare l’ipotesi è stato Martin Brundle, ex pilota e ora voce dell’emittente inglese SKY. Brundle lo ha detto in diretta e la voce ha ovviamente fatto in fretta a fare il giro dei box. Ma Brundle si riferiva a episodi – il sorpasso sull’HRT e quello sulla Sauber di Kobayashi – analizzati dalla commissari di gara che hanno giustamente assolto Vettel. Il terzo episodio – sfuggito a tutti domenica – è stato scoperto in Spagna. Si tratta del camera car di Vettel, non andato in onda in diretta ma registrato dai canali satellitari che dispongono del segnale per tutta la gara.Sequenze che hanno scatenato i media spagnoli e i tifosi di Alonso. Lo stesso Alonso esprime su twitter il suo disappunto, seguito a ruota dal manager Luis Garcia Abad. Segnali che la stampa iberica interpreta come sollecitazione a Maranello nel presentare reclamo, opzione che scadrà venerdì, quando il risultato di San Paolo sarà dichiarato ufficiale.

Fino a martedì sera la Ferrari ha scartato l’ipotesi di fare ricorso. Perché? Prima di tutto perché non esiste la certezza assoluta dell’irregolarità, poi, dettaglio non trascurabile, l’immagine del marchio potrebbe uscire danneggiata da un mondiale vinto a tavolino. Immaginiamoci poi cosa accadrebbe se la Ferrari facesse reclamo e poi lo perdesse. Aggiungiamo che quest’anno chi dovrebbe vigilare sull’osservanza delle regole ha sempre evitato di usare la mano pesante con Vettel. Alonso ricorda ancora quando accaduto in qualifica a Suzuka, rallentato da Sebastian e il giallo sulla mappatura dei motori in Germania. Insomma per fare reclamo con la speranza di avere successo servirebbe il 100% dell’evidenza della violazione. Ricordiamo un clamoroso precedente di ordine d’arrivo cambiato a tavolino. Nel 2003 – sempre a San Paolo del Brasile – la gara venne interrotta a causa della pioggia. Sul podio alto sale Raikkonen con la McLaren, secondo Fisichella con la Jordan. La squadra del pilota italiano presenta subito reclamo, poiché convinta che Fisichella avesse superato la linea del traguardo in testa alla corsa il giro precedente la sospensione. Reclamo accolto quattro giorni dopo dalla Federazione internazionale dopo una più attenta analisi delle immagini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

47 risposte a “Le ombre di Interlagos

  1. Stefanozzo, su Hill hai perfettamente ragione, errore mio. Sui complimenti di Schumi ai suoi avversari per esempio -se non sbaglio- mi ricordo quelli ad Hakkinen dopo quel sorpasso spettacolare durante un doppiaggio. Poi i gusti sono gusti ma volevo spezzare una lancia in favore di Alonso nel fatto che sia un pò troppo banderuola. In effetti se le è girate quasi tutte le squadre -tutte se come qualcuno ipotizza andrà alla Red Bull- però c’è da dire che alla McLaren è stato trattato davvero male: intanto aveva un compagno scomodissimo (Hamilton, il più forte insieme a Nando) ma il team lo sfavoriva anche nelle strategie. Poi dopo la Spy Story è stato inevitabile il suo ritorno in Renault. Sono sicuro che se gli inglesi l’avessero trattato meglio avrebbe tentato di aprire un ciclo. E penso che ora chiuderà la carriera in Ferrari. Se Massa l’anno prossimo partirà bene credo proprio che Nando vincerà il mondiale. Se dovesse partire addirittura meglio di Alonso, beh, credo che Fernando sarà stimolato addirittura a fare meglio. Certo sicuramente lui è uno a cui brucia molto stare dietro a chiunque ma soprattutto al compango, ma credo sia una costante per tutti i campioni della F1.

  2. @padrone.macchia, finale di campionato decisamente thirller!!! Una precisazione, magari lo intendevi ed ho capito male io ma Hill vinse nel ’96 quando il suo compagno di box era Jacques Villeneuve (esordiente) e Schumi era al primo anno di Ferrari. Sui complimenti di Schumi ad Alonso non son preparato ma non mi risulta ne abbia mai fatti; così come non credo che Schumi ne abbia mai fatti a nessuno dei suoi rivali. Ti dico una piccola precisazione: nel 2007 Alonso non poteva proprio finire in Ferrari (al di là delle simpatie/antipatie Toddiane, dei tifosi, rispetto per Schumi ecc…) semplicemente perchè (non ricordo bene l’esatto periodo ma ne sono sicuro) Alonso aveva già firmato con la McLaren molto presto (forse addirittura prima dell’inizio del 2006); forse sbaglio ma in ogni caso molto prima che Schumi ufficializzasse il da farsi per il 2007. Tant’è vero che Alonso rilasciò una dichiarazione nella quale diceva che aveva scelto la McLaren perchè sarebbe stato un team in grado di fornirgli una macchina più solida (della Renault) in grado di lottare per il mondiale e di dargli un futuro. Ricordo anche la secca replica di Briatore che immediatamente gli rispose: “Vorrei ricordare a Nando che ha vinto un mondiale su questa vettura (Renault)”.
    Non faccio mistero di non amare Alonso, ma non perchè ce l’aveva con Schumi (il povero Barrichello allora cosa dovrebbe dire?), ma perchè un pilota così banderuola non lo avevo mai visto. è verissimo che è stato determinante nella spy story, ma solo dopo essersi accorto che alla McLaren favorivano Hamilton ed aver trovato una “via di fuga” in Renault. Inoltre è stata da oscar la scenggiata al GP del Nurburgring 2007 quando in diretta mondiale ha fatto il gesto col guanto indicando il segno della ruotata che gli aveva dato Massa: “no no, non si fa, bambino cattivo!”. Poi penso che è uno che blatera troppo, prima che in pista cerca di mandare ko gli avversari a parole. Con Vettel non ci riesce e allora continua a ripetere che lotta contro Newey e non contro Vettel cercando di innervosirlo e secondo me Sebastian (per quanto possa sembrare un bambino viziato, come afferma Villeneuve) fa benissimo a non considerarlo di striscio e ad andare avanti per la sua strada. Detto questo Alonso è il 3° pilota nella storia della F1 per numero di podi, 86, dietro solo a Schumi e Prost (43,65% delle gare che ha corso; quasi un podio ogni due gare, penso che questi dati parlino da soli). Però sarei troppo curioso di vedere cosa succederebbe se per una miracolosa coincidenza astrale, nel 2013 Massa avesse una partenza migliore di Alonso.

  3. @padrone.macchia
    No, non ho mai sentito di un complimento da parte di Schumacher, e la cosa mi sembra anche normale dopo tutto quello che Alonso ebbe il coraggio di dire tra il 2005 e il 2006.
    Sul fatto che Schumacher non sia un santo siamo tutti strà-d’accordo, ma infatti quì nessuno difende il tedesco.
    Si parla dello spagnolo, notando solamente che tutto quello di cui vengono accusati i suoi avversari (vincere SOLO con la macchina più forte, ed essere a volte scorretti) in realtà sono situazioni a cui non è sfuggito neanche Alonso (ha vinto SOLO con la Benetton, ha avuto un ruolo principale nella spy-story, non è elegante quando parla dei colleghi).
    Dico questo pur riconoscendo assolutamente che sia uno dei migliori piloti di sempre. Sbaglio qualcosa forse??

  4. Jami83, forse mi hai frainteso, non voglio rigirare la frittata ma volevo soltanto guardare la faccenda da un altro punto di vista. Tu mi dici che Alonso aveva rancori verso Schumacher e Todt, io ti ho risposto solo che non è l’unico ad aver ravvisato le scorrettezze di Schumi (e -lo ripeto- sono tifosissimo di Schumi ma qualche volta l’agonismo in lui prevale, credo che non si possa negare). Poi pongo una domanda a te e a tutti coloro che avranno il tempo di rispondermi: hai mai sentito un complimento di Schumi nei confronti di Alonso? Io non me li ricordo sinceramente. La Spy Story poi è una faccenda di cui non fa bene parlare nè a noi nè alla F1 in generale. E poi penso che sia avventato dare giudizi dall’esterno senza conoscere la realtà dei fatti e nessuno -tranne i diretti interessati- può conoscerla. E’ uno di quei misteri della F1.

  5. @padrone.macchia
    ammazza come rigiri la frittata, ma che sei un cuoco?
    Dici che Hill vinse solo grazie ad una superWilliams.. Alonzo invece vinse con una Benetton scarsissima vero?
    Dici che Todt e Schumacher non possono vedere Alonzo… eppure rileggendo qualsiasi tipo di dichiarazione (rileggiti soprattutto il messaggio di masca79) si direbbe che è Alonzo quello che portava rancore verso qualcuno.
    Dici che Alonzo è stato d’aiuto alla Ferrari nella spy-story, sorvolando sul fatto che lo abbia fatto SOLO UNA VOLTA SCOPERTO DA TUTTI! Quando invece invocava questi famosi aggiornamenti di Raikkonen secondo te era per aiutare la Ferrari??

    Cmq, continuate a difenderlo come potete, ma ormai non siete più credibili, un po come lui e Montezeppolo.

  6. @Stefanozzo

    grazie per la spiegazione; da quanto ho capito la zona di sorpasso era ok perche’ Schumi ha iniziato il sorpasso dopo la linea di rientro ai box che non mi sembra coincidere con la posizione della bandiera verde (giusto?);
    cioe’ la sostanza e’ che la bandiera verde indica cessato pericolo e il successivo semaforo verde o linea a terra indica il punto da cui si puo’ iniziare a sorpassare; nel caso di Vettel tra la bandiera verde e il semaforo c’erano circa 250m; se valesse la bandiera verde questo danneggerebbe tutti i piloti che sono appena passati con bandiera gialla in quanto a loro tocca rallentare e Vettel dietro puo’ accelerare , cosa che e’ successa; tra l’altro la disparita’ d’informazione rischia di creare incidenti perche’ il pilota che precede Vettel e che ha visto bandiera gialla non si aspetta certo che Vettel lo superi…
    ecco perche’ mi sembra piu’ logico che si possa iniziare il sorpasso al semaforo verde dove tutti ricevono la segnalazione anche al volante di guida; in questo modo in quel tratto tra bandiera verde e luci verde nessuno ne puo’ trarre vantaggi in termini di sorpassi.

  7. Ciao a tutti, spero che vi siate divertiti (il campionato è stato davvero bellissimo). Volevo rispondere a un po’ di critiche che leggo nei confronti di Alonso.
    Stefanozzo, masca79 e Otto-Volante, in passato Alonso non ha certo nascosto la poca simpatia nei confronti di Schumi però io lo capisco. Non è che Michael sia mai stato un santarellino, al povero Alonso -come a tutti i suoi avversari d’altronde- gliene ha fatte parecchie. Io sono tifosissimo di Schumi ma bisogna ammettere che spesso è molto scorretto. Ma non è per cattiveria, è solo che quando entra in trans agonistica pur di non perdere farebbe qualsiasi cosa. Alonso non si è inventato niente (tra l’altro da ragazzino aveva anche il poster del kaiser in camera), ha solo ribadito cose che tutti sapevano e che o non venivano dette per il peso politico della rossa o che comunque venivano ignorate. Fernando non è l’unico ad aver “denunciato” le scorrettezze di Schumi. “Schumacher ha lasciato un segno indelebile nella F1 moderna, specie sulle fiancate della mia macchina”, così diceva Damon Hill. Più o meno quello che ha detto Fernando: Schumi è un pilota scorretto. L’unica differenza è che Hill nonostante una Williams formidabile (la Red Bull di allora, tra l’altro progettata proprio da Adrian Newey) ha vinto un solo mondiale di F1 e quando il kaiser era alla Benetton –e quindi privo del tifo e della protezione mediatica della Ferrari-, Nando ne ha vinti 2 con Schumi sulla Ferrari. Un po’ diverso. E infatti i ferraristi non lo hanno mai potuto vedere, come non lo ha mai potuto vedere Schumi o Todt. E sono convinto che nel 2007 la rossa abbia preso Raikkonen più per rispetto verso Schumi –sarebbe stato brutto sostituirlo con il suo avversario più agguerrito e vincente- che per vera e propria convinzione.
    Per quanto riguarda la Spy Story –premesso che a me piace più parlare di sport e risultati- la vicenda è semplice: Nigel Stepney (Ferrari) ha passato al suo amico Coughlan (McLaren) delle informazioni riservate riguardanti la Ferrari. Grazie ad alcune mail tra Alonso e De la Rosa la Ferrari ha avuto le prove effettive per far condannare la McLaren. Ma Alonso se non sbaglio ha poi anche denunciato la sua scuderia.

  8. @masca79…

    Quello che hai trascritto, era piú o meno, quello che cerco di dire da anni… In una vasca di squali, puó un pesciolino rosso, sopravvivere e proliferare?

    Ovviamente, sappiamo solo una parte degli “intrighi”, ma giá quella serve a far capire che in quell’ambiente, il piú pulito é come minimo radioattivo…

    Thanks, a lot!

  9. @fantagp
    quello di Schumi è stato un caso un pò particolare ma te lo spiego brevemente: in realtà, all’epoca, Schumi in pista aveva superato dove era possibile (dopo la linea di rientro della corsia box) per cui il suo sorpasso sarebbe stato regolare per quanto riguarda la zona di sorpasso. Invece è stato penalizzato perchè si trattava dell’ultimo giro e il regolamento del 2010 prevedeva che qualora la Safety Car rientrasse nell’ultimo giro le vetture avrebbero dovuto concludere la gara senza effettuare sorpassi. Per cui Schumi non ha sbagliato la zona ma il “tempo” del sorpasso ecco il perchè della sua penalizzazione.

    @masca79
    Tanti complimenti per la ricostruzione.
    Bravo perchè riporti fatti oggettivi e comprovati, non illazioni dettate da simpatie personali; queste non sono fantasie o cose contestabili, è la pura, semplice e (per molti) si tratta della dura realtà.
    Alla fine ti ringrazio perchè mi hai evitato di illustrare uno dei tanti motivi per cui non amo Alonso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *