Gomme vecchie, polemiche nuove

La gamma di pneumatici cambierà dal Gp del Canada del 9 giugno. Così hanno deciso i vertici della Pirelli dopo aver analizzato i numeri di Barcellona, con 77 soste ai box e problemi che hanno a che fare anche con la sicurezza. Le nuove coperture – garantisce la Pirelli – saranno un mix tra la filosofia del progetto  2012 e quello attuale. Il cambio di rotta potrebbe avere notevoli conseguenze per le squadre che hanno progettato macchine in grado di gestire meglio il degrado, causato dalle alte temperature di esercizio. Uno scenario che potrebbe avere conseguenze negative per Ferrari, Lotus e Force India, team che hanno lavorato in questo senso. Al contrario potrebbe trarne beneficio la Red Bull che da sempre privilegia il carico aerodinamico – fattore che mette a durissima prova le Pirelli in versione 2013 –  piuttosto che l’area legata alla meccanica, quindi alla gestione delle temperature. Una decisione destinata inevitabilmente a cambiare le carte in tavola perché si tratterà di rimettere le macchine in galleria del vento per analizzare il comportamento delle gomme modificate.

Pochi millimetri in più o in meno della superficie di contatto possono infatti influenzare sensibilmente il comportamento delle monoposto. Prepariamoci quindi ad altre roventi polemiche dopo quella innescata da Dietrich Mateschitz – proprietario del marchio Red Bull – dopo la gara di Barcellona.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

45 risposte a “Gomme vecchie, polemiche nuove

  1. @Stefanozzo…

    Pirelli, è perfettamente in grado di far gomme migliori. Queste gomme (schifose…), son fatte così per espresso volere dell’omino dai capelli bianchi…

    La pirelli, ha espressamente detto, che queste caratteristiche furono volute, per espressa volontà di ecclestone… E l’omino dai capelli bianchi, in un recente intervento a sostegno alla pirelli, ha confermato tutto…

    L’omino dai capelli bianchi, alla fine dello scorso anno, volle “rincarare la dose”, e chiese alla pirelli per il 2013, gomme ancora meno resistenti (NON sono le prestazioni, ad essere in ballo…).

    Ma ovviamente, il troppo “stroppia”, e ora basta fare anche solo 2 giri dietro un pilota lento, e le gomme “finiscono”… In realtà, la gomma NON “finisce”, ma si degrada: perde cioè, l’iniziale livello di prestazione.

    E l’omino dai capelli bianchi, disse più volte che le gomme dovevano avere almeno 15 giri, a piena performance. Cosa assolutamente falsa, e mai avvenuta in pista… Perchè le vetture, sin dal 1o giro, non corrono al 100%, per il terrore di distruggere le gomme!

  2. Va beh a questo punto fantastichiamo un pò: si torna al doppio fornitore di gomme, Pirelli, più veloci e 4 soste a gara; Bridgestone, meno performanti ma fai 1 solo pit a gara. A che campionato si assisterebbe?

  3. @MarcoWin84…

    Continui ad evitare il problema vero… E’ come se nel calcio, un giocatore un pò più forte fisicamente degli altri, dà un calcio al pallone, e questo continua ad afflosciarsi… Ovvio che il pallone viene modificato…

    Le pirelli, son fallate perchè perdono pezzi e fanno fuori temperatura, anche se i loro parametri, sono stati rispettati! E’ talmente facile da capire…

    Inoltre, riguardo la Renault e Mass-Damper, TI RICORDO CHE OGNI TEAM DI F1, PRESENTA ALLA FIA – PRIMA DELL’INIZIO DEL CAMPIONATO – TUTTI I DISEGNI DELLE MACCHINE, ED IN PARTICOLARE DEI SINGOLI DISPOSITIVI TECNICI PRESENTI… E LA RENAULT, VENNE DICHIARATA REGOLAMENTARE!

    Dopo “suggerimento” ferrari, il Mass-Damper fù abolito PERCHE’ SIMULAVA L’EFFETTO DELLE SOSPENSIONI AUTO LIVELLANTI!!! Anche solo a scriverlo, fà ridere… SIMULAVA… Ma dai…

    QUESTO SI, CHE E’ CAMBIARE LE CARTE IN TAVOLA! E’ COME ESSERE CONDANNATI, PER AVER SIMULATO DI AVER RUBATO, O DATO UN SCHIAFFO A QUALCUNO, SENZA CHE PERO’ IL FATTO SIA AVVENUTO REALMENTE…

    Questa si, che è fantascienza… 😉

  4. secondo me l’errore è del sistema si privilegiasse la meccanica all’areodinamica nn ci sarebbero problemi di usura gomme che secondo me sn dettati dall’aereodinamica troppo esasperata nn a caso le macchine con più carico aereodinamico (red bull e compagnia) i prova fanno paura sul giro secco mentre in gara vanno in crisi…

  5. Si lamenta, invece, la Lotus che, per bocca del team principal Eric Boullier, dichiara a Canal Plus:“Noi siamo diversi dalla Red Bull. La loro politica di sviluppo è basata solo sull’aerodinamica mentre noi, così come altre squadra quali la Ferrari, abbiamo tenuto conto anche del lavoro della Pirelli quando abbiamo progettato la nostra monoposto. Siamo quindi molto dispiaciuti di questo cambio”. Prendendo in prestito il regolamento di un altro sport, il manager francese la vede così:“E come se nel calcio decidessero di modificare le dimensioni delle porte proprio nel bel mezzo del campionato”.
    Visto che stiamo parlando di cosa pensano i vari team ecco che tutto quello detto viene riassunto in una dichiarazione

  6. Se questo tipo di gomme portavano degli svantaggi a chi aveva maggior carico aerodinamico la soluzione più logica sarebbe stato rimettere mano al progetto e tornare in galleria del vento

    E fare meno giri con un set di gomme……….

  7. Beh la vicenda mass dumper può essere vista da due angolazioni: una è quella che dici tu, l’altra è che la Renault ha corso con un dispositivo irregolare per metà campionato (proprio come RBR e compagnia nel 2011)…
    Ad ogni modo io non vedo il pericolo; le forature (nell’ultima gara 1 a Vergne… in Barahin di più ma il circuito e pieno di pezzi di vetture in ogni dove) ci sono e ci saranno (e, rispetto al passato, quest anno tali forature hanno prodotto meno danni) quindi il discorso della sicurezza tiene fino a un certo punto… Pure gli alettoni formato famiglia segagomme sono pericolosi eppure nessuno si sta stracciando le vesti e di incidenti (più o meno seri) per delle pizzicate ci sono stati eccome…
    Le forature violente avvenute fino ad ora sono dovute non ad usura (le gomme di Vergne erano nuove, ad esempio; lo stesso le gomme di Massa sulla seconda foratura o quelle di Hamilton in p3 sempre Barhain) ma a detriti raccolti per la pista e, le nuove gomme, questo problema non lo risolvono affatto anzi, lo peggiorano, perché in caso di foratura a 300 km/h il kevlar non sarà in grado di sostenere la vettura e la gomma scoppierà completamente con le conseguenze che puoi immaginare e che si sono viste in passato ;)…

  8. @MarcoWin84…

    No Marco… Questo NON è cambiare le regole in corsa (come fù al tempo del Mass-Damper).

    Pirelli ha fatto un errore, e lo ha pubblicamente riconosciuto.

    Ora, ci devono mettere una pezza, o qualcuno, prima o poi, si farà male.

    Tutto quì.

    Salut, e buon WE! 😉

  9. Comunque possiamo accettare di essere in disaccordo: per te è una cosa “corretta” cambiare le regole del gioco in corsa, per me no… tutto qui
    Che poi in F1 si faccia da sempre non toglie che per me è sbagliato lo stesso… Se una cosa è irregolare deve essere bandita (e questo non si fa mai per non cambiare gli equilibri… mah).
    Possiamo accettare il disaccordo 😉

  10. Nessuno dice che la Ferrari non abbia fatto la furba in passato (l’ho detto più volte)… ciò non toglie che alcune soluzioni siano palesemente fuori regolamento (sebbene rispettino alla lettera le verifiche dei test)… ad esempio i musi flessibili (vietati dal regolamento) sono stati utilizzati da tutti fino ad anno scorso (RBR più brava col famoso muso di gomma) perché il test di verifica arrivava solo fino a un certo peso: ora nel regolamento c’era scritto che l’alettone non doveva flettere oltre un tot e per verificarlo si usava questo test… le squadre hanno aggirato il problema passando il test ma, in pista, si vedeva a occhio nudo che l’alettone fletteva più del dovuto. Cavillo regolamentare quindi… ma pur sempre soluzione “furba”… Il caso montecarlo (e se è per questo qualifica del gp germania) dell’anno scorso sono identici al, da te citato, Malesia 1999… Quindi o parliamo seriamente o vediamo come si vuole vedere scordando questo o quello… Io dico, ad esempio, che Ferrari allora e RBR anno scorso dovessero essere squalificate (questa è la sanzione se corri con vetture irregolare) e se si fossero chiamate Sauber e Midland sarebbero state squalificate…
    Quanto alle gomme, l’unica gara non si sono potuti fare i 15 giri è Barcellona (sulle altre no problem e si è corso pure in Malesia)… michelin a suo tempo ebbe problemi a Indy: che vuol dire che bisognava cambiare il regolamento per questioni di sicurezza?? Io non credo… Il problema di una pista non è legge per tutto il campionato (che poi Mercedes bruci le gomme dovunque è un problema di quella vettura e la stessa RBR mi sembra che, barcellona a parte, non abbia avuto grossi problemi… certo ogni volta che perdono è colpa di qualcun altro e ogni volta che vincono è solo merito loro ma da fuori non si può stare a badare a queste cose… le gomme 2011 sono state un inferno per molti ma per RBR no… e pure allora si facevano parecchie soste ma allora i buoni tori doppiavano tutti quindi niente problema).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *