Tra prove e mazzate

Che il Mugello di Rossi finisca prima del secondo giro è uno spreco. Non abbiamo la controprova di quello che avrebbe fatto. Abbiamo la prova invece che Lorenzo non solo accarezza, ma centra piena la perfezione. Abbiamo la prova che Pedrosa con un Lorenzo così sfibra le gomme e che Marquez non ha paura di niente; né di cadere, né di farsi male, tanto che in gara si stende ancora strafacendo tutto da solo. Ma questo è uno che impara alla svelta. Abbiamo poi la prova che Crutchlow con un altro podio ha fatto sua la Yamaha, che nel team l’hanno convinto a non lamentarsi più, il che potrebbe significare più semplicemente che finalmente han capito che devono lasciargliene una anche per il futuro. Continua a leggere