Viva la Fia, punto e basta

Viva la Fia. Cos’altro dire se non che l’arbitro supremo è sempre più clownesco nel suo incedere? Dunque, non solo porta in tribunale se stessa – perché questa è la realtà, se vi mettete a fare i due più due del caso – non solo dicevamo, ma una volta in tribunale se ne esce con il rimprovero poco convinto dello zio buono?? E basta? Quindi ancora la facciotta soddisfatta di Brawn Ross?! Il quale ieri ha praticamente vestito la toga per consigliare il finale di partita: “Se proprio, potreste toglierci dai test per i giovani piloti”. Ecco fatto. La Fia sbeffeggia la propria immagine ridicola, immagine resa tale con anni e anni di sforzi, di doppi diffusori, di attese eterne per avere la più elementare decisione dopo gara, di sentenze ribaltate, bene. Perché è evidente, tra le altre cose, come un test per giovani piloti – con in macchina giovani piloti – abbia lo stesso peso di tre giorni di prove con i titolari, la macchina dell’anno in corso e in corso un mondiale, no?

Non felici, mettono sullo stesso piano Mercedes e Pirelli? Reprimenda e reprimenda? Come dire: ricordate che non si fa, ma bravi perché tutto sommato è stato un lavoro fatto con l’unico scopo di migliorare la sicurezza… Tesi pure buona per la Pirelli, ma per Brawn Ross no, dai. Ma era in buona fede, dicono, e come non creder loro. Se c’è uno che non ha mai giocato sporco in vita sua è Mr Brawn. E lascio a voi, se volete, il divertimento di elencarle, le sporche, con tutte le squadre con le quali ha lavorato.

Ma non divaghiamo: viva la Fia, punto e basta. Con una chiusura formativa: l’arbitro clown non deve insinuare la tentazione di giocare sporco, semmai rafforzare il contrario.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

5 risposte a “Viva la Fia, punto e basta

  1. Come al solito Mengo non perde occasione di mostrarsi per lo zerbino delle rosse, visto che ovviamente non abbiamo mai letto un articolo critico durante la permanenza di Brawn in Ferrari…Il giorno che esisterà una stampa obbietiva su questo sport sarà sempre troppo tardi…
    Non è da oggi che la Fia prende decisioni con i piedi, non lo erano affidabili quando c’era il tizio di prima e non lo sono ora che c’è Todt, ma vorrei leggere cosa avrebbe scritto Mengo se il test fosse fatto dal simpatico pilota spagnolo in tuta rossa…

  2. Mah, io non so bene cosa sia successo, ma se Mercedes ha fatto questo test, allora secondo me si doveva dare anche a tutte le altre squadre la possibilità di fare il medesimo test nelle condizioni e modalità della Mercedes, chiaramente però su un altro tracciato in modo da “pareggiare” l’eventuale vantaggio che la squadra tedesca avrebbe avuto. Però forse ormai è troppo tardi. Il discorso di fondo è: se Mercedes ha fatto qualcosa di irregolare e ne ha tratto vantaggio allora si deve trovare il modo di annullare questo beneficio conquistato irregolarmente, tutto qui. è molto semplice a parole, decisamente più difficile nei fatti; sarà per questo che la FIA ha deciso di chiudersi entrambi gli occhi e le orecchie e passare oltre!

  3. La stessa identica cosa che ho pensato io è perfettamente espressa da Mengo:

    un test nel MEZZO della stagione con i PILOTI titolari è uguale ad uno fatto a FINE stagione con dei giovanotti inesperti che magari su una F1 ci salgono per la quinta volta?

    Il precedente è pericoloso: domani Ferrari, Red Bull e tutti gli altri, per mettersi in pari, potrebbero annunciare “Facciamo 1000KM di test con Alonso, Vettel ecc. e vogliamo saltare il test per giovani piloti”.

    Sarebbe una cosa normale?

    CHE CLOWN!

  4. La classica decisione che ci si aspettava così facendo però si invoglia a non rispettare nulla così un domani le altre squadre faranno lo stesso o nò?………………..il dio denaro se non ci fosse è!.

  5. Bene, allr facciamo come hanno fatto loro, tnt non ti puniscono per aver violato l’articolo. E’ veramente ridicola.
    A questo punto si possono infrangere tutte le “regole”, tnt alla fine non ti dicono nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *