Marquez, impertinente e vincente

Sorride Marquez dall’alto di un mondiale in cui doveva fare l’esordiente, l’outsider ed invece si e’ scelto il ruolo ed e’ in alto, al centro. Sorride con la faccia impertinente di uno che mette via la quarta vittoria di fila, la quinta stagionale, con un tabellino di rendimenti che dice dieci podi in 11 gare. E’ un mondiale a doppio scarto da una parte la gioia contagiosa di Marquez, dall’altra la frustrazione di Pedrosa e Lorenzo. Sorpresi da questo avvio troppo rapido del ragazzino ed obbligati a rincorrere, ognuno con una serie di difficoltà da superare.

Il risultato di Brno e’ più pesante per Lorenzo che per Pedrosa non solo per un fatto di numeri, Jorge e’ sotto di 44 mentre Dani e’ a meno 26. Lo e’ soprattutto per un fatto di prospettive. La Yamaha non riesce a tenere il passo di Honda e se non arrivano sviluppi rapidi e’ difficile conservare speranze mondiali. Lorenzo ne esce più sconfitto di Pedrosa perché sa di avere fatto una gara senza sbavature, da duro, ma non basta. Sa di avere le spalle più larghe di Pedrosa, sicuro come può essere solo chi ha vinto già il titolo, ma non basta.

Sa giocare di strategia, sa mettere a posto la sua moto più rapidamente degli altri, ma non basta. E’ freddo sempre, non basta. Ha bisogno di vittorie, che gli mancano da giugno, Barcellona. Ne ha tre, una più di Pedrosa, ma non basta. In questa lotta a tre la sua strada si fa più complicata, le speranze più sottili. La motivazione- se la scena non cambia – da sola non basta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

37 risposte a “Marquez, impertinente e vincente

  1. L’anno scorso appena la Honda, seguendo 2 strade diverse per i propri piloti, aveva risolto i problemi del peso minimo aumentato prima e l’imposizione del nuovo pneumatico anteriore dopo aveva ritrovato la competitività nei confronti della Yamaha. Ecco perchè tutto di colpo Pedrosa e Stoner avevano iniziato a tornare ai vertici….poi Casey si è autoeliminato e Pedrosa è rimasto l’unico alfiere.

    In ogni notizia, su ogni sito, in ogni giornale si legge “ABBIAMO LA CRISI DEI MOTORI IN MENO!!!!” ?

    Il problema per ora è che il decimo o decimo e mezzo di velocità in più che garantirebbe il seamless andrebbe a riequilibrare i rapporti di forza tra Lorenzo e le 2 Hrc.

    Bisogna distinguere tra quali siano le vere cause da delle vere scuse.

    Se a rompere le scatole alle 2 Hrc non ci fosse solo Lorenzo ma anche un altro yamahista ecco che il lavoro per la Casa di Iwata sarebbe meno difficile. Ma ora la Yamaha corre con Lorenzo contro 2 fenomeni.

    Lorenzo non lo vedo ancora tagliato fuori al 100% per il mondiale, e complimenti alla Hrc per il lavoro svolto e per la scelta dei piloti.

  2. @piccone40…

    Hai scritto: “Marquez, e Pedrosa per stargli attaccato, si è giocato dei bei jolly e gli è andata anche bene per rimanere fino a tre quarti di gara vicino a lorenzo. E non una volta ma almeno in 3 occasioni ha rischiato di brutto Marc, più 2 entrate sbagliate fuori corda.”

    Proprio per questo, dico che la honda è 3 gradini sopra la Yamaha…

    Senza offesa per Pedrosa e Marquez, ma IMHO a parità di moto prenderebbero 1/2 secondo a giro da Lorenzo…

    Prova ne è Pedrosa: da sempre corre per hrc, e da sempre le prende di santa ragione! Però, da quando l’anno scorso honda introdusse la moto 2013, in pieno 2012, PEDROSA SI E’ LETTERALMENTE TRASFORMATO!

    E lo ha fatto, nel giro di 2 gare! Se sei un buon osservatore, rivediti le gare: sembra un’altro pilota…

    E ripeto, ci sono le telemetrie a parlare! Le honda frenano dopo, “chiudono” la curva prima, accelerano prima e meglio, hanno più velocità di punta, ed ora grazie al cambio SeamLess, mantengono le gomme meglio di Yamaha.

    Quello che ho scritto, NON è un mio pensiero… E’ quello che dicono le telemetrie. Ed è tutto confermato da Lorenzo, Rossi, Crutchlocco e rispettivi entourage…

    Lorenzo, stà avendo un periodo di grazia incredibile, e guida in modo davvero perfetto, anche se al 101% delle possibilità della Yamaha… Ma ora, questo NON basta più: le honda sono troppo forti, ANCHE LE SATELLITE VANNO FORTE QUANTO LE YAM FACTORY!

    Il Crutchocco, che di velocità ne ha, quando è costretto a dare il 101% cade quasi sempre… Rossi IMHO, non forza al 100%, perchè ancora non si fida ancora della moto, e si vede lontano un miglio da quanto è impacciato in frenata! Solo in 3 gare, sembrava più agile.

    Non credere a me, cerca di credere ai fatti, e quanto dicono TUTTI i piloti!

  3. ottovolante

    La Yamaha ha problemi di rotazione motori, cavolo lo si sa, ma proprio per questo…..già così Lorenzo è a ridosso delle Hrc, non avesse il problema vita-motore avrebbe di sicuro più chances. Questo però è un problema che non deriva da una superiorità della Hrc nei confronti della Yamaha piuttosto dalla mala sorte che ha costretto la casa di Iwata a fare a meno di un propulsore.

    Non è questione di credere o non credere, queste cose informandosi le può venire a sapere chiunque.

    Il fatto è che la M1 potrebbe andare un po più forte ma per motivi regolamentari la punzonatura di un motore extra per ora è una soluzione molto sfavorevole, partenza dai box o ultimi, non ricordo bene.

    Già così cmq, con motore in meno ed ancora senza seamless, non sfigura con Lorenzo e imho COL CAVOLO che hanno aspettato a apassarlo!
    Gara d’attesa?
    Marquez, e Pedrosa per stargli attaccato, si è giocato dei bei jolly e gli è andata anche bene per rimanere fino a tre quarti di gara vicino a lorenzo. E non una volta ma almeno in 3 occasioni ha rischiato di brutto Marc, più 2 entrate sbagliate fuori corda.
    Altro che fare gara d’attesa!
    Ma questo è quello che ho visto io a Indy ed a Brno.

    Poi se in GB andrà diversamente lo vedremo tra poco, Hrc favorite ma non poi così di tanto. Sempre slavo errori o incidenti ovviamente.

  4. vadopianolorono sono d’accordissimo, il maggior problema di Rossi è la gomma anteriore che per il suo stile di guida ha una carcassa troppo morbida. Più cerca di staccare forte, più la gomma va in crisi e di conseguenza il tempo sul giro peggiora invece di migliorare. Quanto vorrei che ci fosse ancora la gomma di marmo!!!! Credo che con quella Valentino si giocherebbe la vittoria quasi sempre, altro che Bautista….
    Pensa che ci fu un problema simile nelle prime gare del 2004. Nelle staccate violente ”è come se si spostasse il manubrio e la moto scivolasse in avanti” parole testuali di Rossi. La forcella si bloccava, e di conseguenza bloccava la ruota. Poi in quel caso la Ohlins gli costruì una nuova forcella e risolse il problema. Mi chiedo se si possa fare anche oggi

  5. vadopianolorono
    nandop6: Rossi nel 2004 fu entusista della moto, il resto è solo una bella battuta!!!
    Scusa ma Rossi può anche averlo detto ma te la ricordi la Honda che ha lasciato? Biaggi disse ora capisco perché andava forte.

  6. vadopianolorono
    Vedi secondo me se la Honda è andata avanti con quel telaio è perché si è fidata di Pedrosa se no non avrebbero continuato su quella strada. Vedi qualcuno disse che il problema di Stoner è che è troppo conservativo, non gli piacciono le novità, e per evolvere una moto questo è dannoso.

  7. robbyrs: no quello è il punto forte di Rossi e nessuno lo nega, il fatto che non riesce a staccare forte quando si alza il limite (i primi) e lo fa con Cal o Bautista che stanno uno step sotto, non ti fa pensare a qualcosa????
    nandop6: Rossi nel 2004 fu entusista della moto, il resto è solo una bella battuta!!!

  8. robbyrs: il fatto che le Yamaha hanno una guida diversa dalle Honda non è una novità, la Honda spigola di più, mentre la Yamaha fa della pulizia e la velocità in percorrenza il punto forte, perchè le piste non sono solo rettilinei. Il problema è che non riesce più a fare quello che era il suo punto forte, demerito del motore??? cerdo di no!!!! Penso, seri problemi a far lavorare al meglio le gomme!!! e mi sembra che sei daccordo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *