Marc e Dani da… benedire

Ecco, forse se si corresse un mondiale a Lourdes… lì Daniel Pedrosa partirebbe favorito. Sportivamente il pilota più tenero della storia necessita di una  benedizione e avverte forte anche il bisogno di mandare il compagno Marc Marquez a farsi benedire. Ma in un altro senso. La sua è una ruota che gira e che si ferma, sempre nello stesso punto, portandolo – da anni – a sfiorare progetti di titolo mondiale che sfumano sul più bello; ma anche – da anni- nello studio dell’ortopedico di turno. E di norma senza che lui abbia alcuna responsabilità. Marquez è un genio? Sì. E’ un bravo tipo? Sì. Ci piace? Sì. Che sia chiaro. Ma Marquez è anche un pilota che rischia spesso di passare il confine della correttezza? Si, anche in questo caso è sì. Ad Aragon nel frangente del patatrac Lorenzo stacca fortissimo, Pedrosa fortissimissimo e Marquez talmente più forte dei due che ne centra uno di striscio – Pedrosa – troncandogli il traction control. Ma ad inizio gara per queste cose è un filo prestino. E’ giovane Marquez, tutto un fuoco, un sorrisetto, un egoismo vorace, ma va messo in riga. Ricordandogli magari che a Simoncelli, un altro generoso e talentuoso come lui, per una cosa del genere avrebbero dovuto affibbiare due guardie del corpo per evitare linciaggi. Che, badate bene, non significa né mortificare il  talento di Marquez, né salassare la Motogp delle sue dosi di spettacolo. Quando il più aggressivo si scontra col meno aggressivo la somma algebrica è uguale a polemica e casino, specie se sono compagni di squadra e connazionali. Che poi si fa presto a categorizzarli definendoli un vincente e uno destinato a perdere. Il che forse è anche un po’ vero. Ma che si concedano almeno la possibilità di dimostrarlo tagliando il traguardo, uno davanti e uno dietro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

47 risposte a “Marc e Dani da… benedire

  1. meteor02: quelle che hai ricordato come episodi poco limpidi lo sono, devi aggiungere anche laguna di questa stagione perchè Rossi ha fatto una bastardata non da poco!!!!
    Le analogie tra Rossi e Marquez quelle vere sono: il carattere o la determinzione o la giusta cattiveria, e la capacità comunicativa. Marquez ha una staccata completamente diversa da Rossi!!!! anche perchè la guida di Marquez con quella di Rossi non è paragonabile e di conseguenza anche la staccata!!! Quella di Rossi (dei gommini ad hoc) era molto più forte!!!
    Marquez spesso intraversa la moto in entrata di curva e mi da l’impressione che perde tempo!!!

  2. Ma secondo me siete un po fuori strada e non tenete presente il fatto che tutti da Lorenzo a Rossi passando per Pedrosa Marc Dovizioso fino ad arrivare a Petrucci, tutti corrono per vincere, tutti sono al limite e ci scappa la spallata o arrivare lunghi ad una staccata. Forse però bisognerebbe parlare del fatto che per un leggerissima strisciata di Marc a Pedrosa si è tranciato il cavetto del controllo di trazione e Dani si è schiantato. È la stessa situazione di quando ci si capottava in avanti perchè si toccava la leva del freno ant. I costruttori Honda, Yamaha, Ducati, dovrebbero sviluppare le loro tecnologie pensando anche a tutelare i piloti cercando di proteggere le parti delicate che sono esposte a possibili e alquanto rare collisioni con altri piloti e che possono causare anomalie nel sistema di gestione della moto.

  3. nandop6: che confusione, l’unica certezza è che tra Rossi e Marquez non vi è nessuna analogia ne di guida, ne di aggressività. A Rossi si contestano le scorettezze, a Marquez lo spingersi oltre i limiti, perchè non ne ha bisogno per vincere ed è pericoloso per lui e gli altri piloti!!!!
    Cmq come hai detto tu, non avete nessuna remore a costruire castelli in aria!!! Contro chi o cosa non importa, di sicuro la fantasia non vi manca a voi fans del mito!!!

  4. vadopianolorono
    Il fatto è che non vi va giù la guida aggressiva di Marquez perché la associate a quella di Rossi, ripeto la sportellata di Stoner a Bautista è stata contestata semplicemente perché voi queste manovre le avete sempre contestate a Rossi, ma non superficialmente ma da triturazione di zebbedei, così quando è successo a Stoner siete stati contraccambiati, non per Stoner perché qualche sportellata può far parte delle gare ma per voi antirossisti.
    Tu quale politico sei delle due ruote?

  5. nandop6: ma che sei la Santanchè delle 2 ruote????
    solia.84: quindi secondo te, Marquez per dimostrare il suo talento deve fare asinate una gara si e una no????

  6. vadopianolorono
    Vedi che il contatto tra Stoner e Bautista è stato contestato di risposta a tutte le critiche che avete fatto verso Rossi, perché altrimenti di quel contatto non si sarebbe parlato minimamente, fa parte delle gare.

  7. episodio che fa parte delle gare. Spero solo che Marquez non si faccia influenzare dalla pressione che gli mette addosso la stampa. è un pilota spettacolare che deve continuare a guidare come fa!!! Se i piloti fossero tutti come Lorenzo o pedrosa le gare sarebbero una palla!(senza nulla togliere al loro talento)

    Forza Mark continua così!!

  8. Se i 2 stavano lottando per la posizione avrei un giudizio diverso, non tenere conto di questa cosa è sbagliato, a Stoner (mentre era in lotta con Bautista) gliene avete detto di tutti i colori e ancora ci ritornate su quell’episodio, mentre Pedrosa stava impostando la sua linea che un altro lo ha fatto cadere!!! e lo giustif pure!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *