Premi di consolazione

Poteva fermarsi per l’happy hour e vincere lo stesso, invece Seb ha preferito tirare dritto per triturare tutti assieme nuovi record e la concorrenza. I suoi colleghi lo avevano visto da vicino al momento del tea time,  quando aveva parcheggiato la macchina prima del via. Poi hanno dovuto aspettare quasi l’ora di cena per ritrovarlo a far festa sul podio. Chissà se stavolta il biondino offrirà almeno da bere a chi è costretto a lottare per i premi di consolazione. Roba piccola solo all’apparenza, perché in realtà ballano milioni di euro. Si tratta del secondo posto nel mondiale costruttori che adesso è nelle mani della MercedesChi arriva terzo, attualmente è il caso della Ferrari, becca 8 milioni di euro in meno, per il quarto la differenza in negativo sale a 14 milioni. Considerato che la Formula 1 costa parecchio varrebbe la pena di mettere in pista il colpo di reni buono per incrementare il conto in banca. Cosa che sta facendo la Mercedes, a differenza di Ferrari e Lotus. A Maranello gli obiettivi erano altri, d’accordo, ma anche la sconfitta ha differenti tonalità di colore e il nero è ormai la dominante cromatica del finale di stagione della Ferrari. Più sensibile ai soldi dovrebbe essere la Lotus, messa talmente male su questo fronte da non pagare l’ingaggio di Raikkonen. Anziché concentrarsi sulle finanze la Lotus si perde in schermaglie con il pilota finlandese che l’ha portata lassù e che a Abu Dhabi – in un ambiente più sereno – avrebbe potuto mettere in pista i numeri giusti per avvicinarsi a quella seconda piazza che vale 14 milioni di euro in più.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

5 risposte a “Premi di consolazione

  1. Non sapevo che in Lotus le vetture e gli assetti venissero fatti dai piloti anziché dai meccanici

    Ora capisco perché Raikkonen è così arrabbiato con la Lotus, fa 2 lavori prendendo 0 stipendi

  2. Secondi, terzi o quarti quello che stiamo vedendo è comunque indegno.
    Ormai è dal 2007 che questi signori ci fanno fare misere figure; 7 anni mi sembrano un tempo sufficiente per capire che Domenicali e tutto il settore tecnico sono totalmente inadeguati per la Ferrari (sempre che Montezzeppolo punti a vincere..).

  3. bravo budel quando dici che la lotus è più sensibile ai soldi della rossa. il problema della ferrari non sono certo 8 o 14 mln in più o in meno…
    domenicali a casaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *