Un Mondiale per due

C’è il Mondiale delle Mercedes e poi quello degli altri. Davanti Lewis Hamilton viaggia in un’altra dimensione asfaltando tutti, compagno di squadra compreso, mettendo le mani sulla vittoria numero 23 della carriera dopo lo sfortunato esordio di Melbourne. Rosberg becca di brutto ma si consola perché il secondo posto malese gli consente di restare in testa al Mondiale con un buon margine di vantaggio su Hamilton. Continua a leggere

Magnussen, nel nome del padre

Bi13Rk7CAAA70iBPapà Jan non era a Melbourne per festeggiare il podio al debutto del figlio Kevin. Motivo? Stava correndo la 12 ore di Sebring, 8° di classe al volante della Corvette il risultato finale. A 40 anni Magnussen senior continua a fare il pilota professionista nelle gare di durata, dopo una carriera poco fortunata in Formula 1, dopo aver battuto il record di vittorie di Ayrton Senna nella Formula 3 inglese. Era il 1994, Kevin aveva appena un anno e mezzo ma da quando era nato viaggiava con papà, mamma e lo zio meccanico per le piste di tutta Europa.  Insomma il primo imprinting è stato quello del rumore dei motori, dei vapori della benzina, dell’odore delle gomme. Un predestinato d’accordo, ma il suo percorso non si presentava agevole come quello di altri figli di piloti dal cognome più illustre come Villeneuve, Hill e Rosberg.  Continua a leggere

Bimota, corsa contro il tempo

bimotaPer la Bimota è una corsa contro il tempo, e non inteso come cronometro. E’ arrivato il tanto atteso benestare da parte della Dorna per poter debuttare nel mondiale Superbike ad Aragon, nella seconda prova in programma il 13 aprile. La BB3 che verrà portata in pista da Ayrton Badovini e Christian Iddon ha effettuato il primo Shake-down su una pista privata nel nord della Francia e tutto ha funzionato a dovere. Adesso, sulla carta, ci sono altri test prima del debutto mondiale: possibilmente ad Almeria la prossima settimana, più probabilmente a Portimao qualche giorno dopo, mentre non è da escludere la presenza del team nel test collettivo di Jerez de la Frontera, 3 giorni dal 31 marzo al 2 aprile. Continua a leggere

Brindisi di Massa

massaE’ pure figo ora Felipe Massa 2 La vendetta! Tutto glamour e jet-set, infiocchettato com’è in quelle leggendarie e strepitose strisce Martini Racing. Carico, più convinto del solito, anzi più convinto di sempre, nel parlare di mondiale come obiettivo e di vittorie come mezzo per arrivarci. Aggiungi che sotto quelle stripes c’è tanta roba, inteso come potenzialità barra affidabilità della nuova Williams… ma non è che Felipe mi punta al colpaccio a Melbourne? Come? Il colpaccio mondiale? Bè, adesso su due piedi, sembrerebbe troppo, però: chissà cosa ne pensano in Ferrari della nuova vita del loro accompagnato alla porta. Non vogliamo riaprire vecchi capitoli, sia mai, sul talento, gli anni senza vincere, eccetera: constatiamo solo un nuovo lustro che, con un Mercedes alle spalle e quella storia rosso-azzurro-blu sulla livrea, fa pensare in grande. Massa davanti a Raikkonen?
Massa davanti ad Alonso? Certo, c’è da fare i conti con i labirinti elettronici che potrebbero sorprendere praticamente tutti in Australia, ma a maggior ragione: due euro (e un oliva) sul Martini?