Un Mondiale per due

C’è il Mondiale delle Mercedes e poi quello degli altri. Davanti Lewis Hamilton viaggia in un’altra dimensione asfaltando tutti, compagno di squadra compreso, mettendo le mani sulla vittoria numero 23 della carriera dopo lo sfortunato esordio di Melbourne. Rosberg becca di brutto ma si consola perché il secondo posto malese gli consente di restare in testa al Mondiale con un buon margine di vantaggio su Hamilton. La Ferrari non riesce nemmeno a vincere il mondiale dei “normali” visto che a interrompere la dominante argento sul podio è il blu della Red Bull di Sebastian Vettel. Red Bull che dopo i test invernali pareva un disastro e che invece vola in confronto alla rossa.

Alonso mette assieme una gara dignitosa con una macchina alla ricerca di un perché. Ancora quarto, grazie al sorpasso su Hulkenberg a pochi chilometri dal traguardo. Il problema è proprio vedere una Ferrari lottare con una Force India anziché con Mercedes e Red Bull. Ferrari che ha perso subito per strada Kimi Raikkonen, causa contatto con Mangussen, Ferrari che ha già 38 punti di distacco dalla Mercedes nel mondiale costruttori.

Nella classifica piloti Alonso tiene la linea di galleggiamento con 24 punti, terzo, alle spalle di www.hoch-zwei.net. Ma le premesse erano decisamente altre. Insomma a Maranello occorre comprendere cosa non va e raddrizzare la situazione in fretta altrimenti là davanti c’è chi è già pronto per la fuga dopo 600 chilometri appena.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

6 risposte a “Un Mondiale per due

  1. spiace dirlo ma siamo tornati ai tempi prima di tod’s, confusione ,politica,
    invidia presunzione e non c’e’ piu’ giuoco di scuadra dentro la fabbrica ferari,solo invidie. possono assumere qualsiasi super ingeniere ma nniente cambiera se non cambieranno alcuni personaggi.

  2. Egr. Sig. Budel,
    volevo porle una domanda.
    Riguardo la partenza tra la Red Bull numero 1, la Mercedes di Rosberg ed il limite della pista, non c’era uno spazio sufficiente a far passare un’altra macchina. Questo chiede il regolamento. Questione di centimetri: se le due macchine si fossero toccate, sarebbe venuto fuori un incidente pericolosissimo visto anche il plotone di auto lanciate che sopraggiungeva.
    La direzione gara perchè ha sanzionato altri (Magnussen & Co.), mentre CASUALMENTE non Vettel. Il regolamento è chiaro. Volendo pensar male si direbbe…
    Perché non commenta il tutto sul sito.
    La ringrazio per la sua attenzione.
    Cordialità.

  3. Avrei voluto commentare qualcosa, della gara… Ma appena dopo qualche tornata, tutto quello che posso dire è: ZZzzzzzzz… ZZZZZZZzzzzzzzz… Ronf Ronf….

  4. La Mercedes ha fatto un ottimo lavoro, guarda caso con Ross Brawn, che la Ferrari ha lasciato andare dopo un periodo denso di vittorie
    Speriamo ora si decidano a riprenderlo

  5. E’ inutile aspettare l’ Europa per la Ferrari è l’ ennesima stagione da buttare via, recuperare questo gap è praticamente impossibile, poi lottare contro una Force India con tutto il rispetto per la stessa mi pare davvero che siamo messi male……….

  6. Certo vorrei essere piu’ nella posizione della mercedes che in quella ferrari,pero’ siamo all’inizio aspettiamo l’europa e dopo cominciamo a tirare le conclusioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *