#StaiserenoMarco

6Dopo due gare la Kawasaki vola e l’Aprilia insegue. Vero che il secondo appuntamento della Superbike si è srotolato sulla pista di casa della verdona, il cui team ha sede nelle vicinanze del circuito di Aragon, ma è anche vero che la casa italiana, dopo il promettente avvio di Phillip Island, sembra segnare il passo. Marco Melandri in Spagna non era posto, questo è sembrato evidente. Classe e cuore gli hanno permesso di stare attaccato a Sykes e Baz in gara 2 e di sferrare l’ultimo – riuscito male – attacco per la vittoria. Ma questo non può bastare, Marco lo sa bene e scalpita. Non crediamo ai titoloni che parlano di alta tensione nel team, pensiamo piuttosto che mettano un po’ in agitazione i 26 punti di ritardo in classifica. E’ il momento allora di non farsi prendere dal nervosismo. Su due piste tanto diverse Marco è riuscito a salire sul podio almeno una volta, il “dritto” australiano e l’errata scelta di gomme in Aragona hanno prodotto scarso punteggio,  errori di guida e di strategia rimediabili e non difetti strutturali di un progetto. Manca ancora il completo feeling in frenata, manca forse la confidenza totale con la nuova squadra, che non si costruisce in poche giornate di lavoro insieme e con una troppo lunga sosta tra la prima e la seconda uscita. A Noale sanno lavorare, Melandri deve starne certo e impedire che dubbi di varia natura gli entrino in testa, perché la medesima deve funzionare al meglio per reggere un confronto che non è semplice, perché la moto non va da sola e gli altri non aspettano. Insomma, seguendo la moda, il consiglio è #StaiserenoMarco.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

57 risposte a “#StaiserenoMarco

  1. io faccio il tifo per Fenati!!! e speriamo sia la volta buona di rivedere un italiano tornare a fare mangiare la polvere a tutti sti spagnoli, che oramai da troppo tempo inflazionano il podio più alto del mondo del motociclismo!

  2. Ora chiudiamo qua la storia passata e speriamo che Giuliano sbocci e diventi forte sempre di più il talento e la foga agonistica insieme alla grinta, non gli mancano…daje e vai

  3. Marco, Rossi ha dato uno schiaffo colossale alla Honda , perché loro erano strasicuri che Vale vinceva solo grazie alla loro moto e hanno preso la cosa sottogamba…ma portandosi dietro l’ intera squadra e parte dei loro segreti…be almeno lui li ha messi nella emme. Ho sempre riconosciuto a Rossi il primato del sapersi vendere bene. Ottimi manager e avvocati di livello. Biaggi al contrario si è fatto tutto da solo ed è rimasto fregato. Doveva fare come Vale, lasciare gli affari ai professionisti e pensare solo a correre e firmare solo dopo che gli altri avevano già esaminato tutti i cavilli. Mac in pratica nella foga di prendere la prima guida della HRC si é fatto gabbare. Certo il veto Honda è stato indegno. Cmq grazie a Max per ciò che ha fatto per questo sport…vincere due mondiali a 40anni passati è da fuoriclasse puro. Ciao a tutti

  4. e allora Rossi che si è permesso di dare uno schiaffo colossale a mamma Honda andandosene alla Yamaha (portandosi dietro il suo entourage dell’HRC), cosa gli sarebbe dovuto succedere? com’è che non sono intervenuti i Soprano in persona?

  5. Cnq la cosa .afiosa di mettere un veto alla partecipazione di Max al campionato minacciando Kavasaki di non fornire più ne le gomme eble pareti Mecca oche per le .oto di serie …insomma se non è magia questa…. Mac aveva già firmato con Ka asaki e Pons con la Csmel lo rivolevank…. .A LA HONDA COMANDA …fi e della stofia

  6. Roberto, per quanto ne so io il casino è nato dalla mancata applicazione delle clausole ( meccanici non assunti eccetera) e la messa sotto contratto preventiva di Pedrosa e qui di l’ interesse a far andare via Max. Poi se ci metti che lui ha dichiarato testualmente che la moto era una MERDA…e che due secondi a giro uno come lui non li avrebbe mai presi…ecco fatto il patatrac

  7. @ murano35
    può darsi che ci sia qualcosa sotto che non è emerso,che è rimasto nell’ombra e che solo gli addetti ai lavori conoscono,tu cosa ci puoi dire al riguardo?
    ciao

  8. robertovinci
    forse fai un po di confusione rossi in honda ha vinto 3 mondiali di fila gli altri 2 li ha vinti su quella yamaha inferiore che era di biaggi fino al 2003 poi biaggi è andato in honda dicendo :”ecco come faceva rossi a fare quelle cose” poi e ha preso l’ennesima batosta e nel 2005 ha avuto l’anno piu buio della sua cariera che l’ha relegato alla wsbk….
    comunque nn è mai andato oltre le 3 vittorie a stagione a prescindere dalla moto che guidava, mentre rossi ha vinto 9 gare nel 2003 con honda e 9 nel 2004 con yamaha e anche qui la moto guidata contava poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *