Il pasticciaccio Mercedes

Motorsports: FIA Formula One World Championship 2014, Grand Prix of HungaryEsauriti gli aggettivi per la vittoria di Ricciardo, ragazzone australiano che sta offrendo una dimensione diversa ai motivi del dominio stellare di Vettel, archiviata la corsa fuori media di Fernando Alonso, l’unico rimasto alla Ferrari a crederci ancora, resta da trattare il caso Mercedes. La vicenda è talmente ridicola che nemmeno i capi sono d’accordo sull’interpretazione di quanto accaduto a Budapest. La querelle gira attorno all’ordine partito dal muretto box e destinato agli auricolari di Hamilton che lo invitava a far passare Rosberg, causa strategia differente. Una comunicazione assurda perché diretta a un pilota protagonista di una rimonta eccezionale su una pista che pare un kartodromo, reduce pure dall’ennesimo problema tecnico sulla sua macchina.  Continua a leggere

Ferrari, così Alonso scappa

alonsoA Maranello si pensa a pianificare il futuro con il rischio concreto di trascurare il presente. D’accordo che il presente in questione trascorre sotto la linea di galleggiamento ma sarebbe utile evitare figure imbarazzanti come quella di Silverstone. Due macchine fuori dopo il primo turno di qualifica, zavorrate nella fila 10, non rappresentano certo una visione lucida della strategia. Dopo il congedo di Stefano Domenicali alla Ferrari sono in arrivo altre purghe, ma la situazione anziché migliorare sta peggiorando. Continua a leggere