Il vecchio e il bambino

MOTO-PRIX-AUSMarquez è stato il protagonista dell’ultimo spettacolo. Lo ha voluto con una ferocia non comune perché l’obiettivo era marcare il territorio. Troppi i titoli dedicati a Valentino Rossi per chiedere la stagione limitandosi a portare la Honda in fondo. Occorreva di più, nel senso di vincere, di allungare a 13 vittorie in una stagione l’elenco dei record, dopo che il fratellino aveva timbrato il mondiale della Moto3. La splendida anomalia è che a scatenare Marquez è stato quello che ormai è un uomo di 35 anni che nel 2014 ha rispolverato il guardaroba del fenomeno. Rossi appunto.Secondo in campionato, unico italiano nelle 3 classi sul podio mondiale . Smaltite le scorie lasciate da stagioni difficili, Valentino ha messo in pista la sua stagione migliore dopo giorni di festa che sembravano appartenere a un’altra epoca. Ha piegato Jorge Lorenzo, unico rivale credibile di Marquez nel 2013, ha affondato definitivamente Dani Pedrosa, già provato dalla convivenza con Marquez. Il 2014 segna la sconfitta della generazione di mezzo, quella che separa Valentino da Marc. Rossi incarna  il passato tornato improvvisamente presente, Marquez è invece  il presente proiettato in un futuro, futuro  destinato a ripercorrere il sentiero tracciato dal vecchio leone. Per questo motivo a Valencia il più giovane voleva e doveva vincere prima dei titoli di coda.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

9 risposte a “Il vecchio e il bambino

  1. Otto.Volante non penserai mica k non scrivo xk ho toppato la mia previsione su Rossi, il punto sta semplicemente che non mi piace essere tagliato. Buon Anno a tutti.

  2. Otto-Volante
    veramente gia prima di meta stagione jorghe s’è ne uscito con questa è la miglior m1 che ho mai guidato.
    e visti i risultati a pari moto le ha sonoramente buscate dal suo attempato compagno di box.
    se poi si è allenato poco o no nn ci è dato saperlo ma ad inizio stagione poteva essere una scusa ma a sepang mi sa di presa per il….

  3. Vorrei ricordare a tutti, che l’anno scorso LORENZO con una Yamaha PIÚ VICINA ALLE HONDA, vinse piú di MM… Ed anche con una spalla ROTTA, e RI-ROTTA, andava MOLTO MEGLIO DI QUEST’ANNO…

    Quindi NON credo affatto alla “storia” dello scarso “allenamento”… Lorenzo lo ha detto chiarissimo sin da prima dell’inizio campionato: queste gomme, e questa Yamaha NON MI PIACCIONO AFFATTO!!!

    Lorenzo é uno “stilista” delle corse… La moto gli deve andare “a pennello”, sennó non carbura proprio! Non é la prima volta che succede. La Yamaha di inizio anno, eveva un’erogazione scorbutica per limare i consumi: questa caratteristica INFLUIVA NEGATIVAMENTE DOVE LORENZO É PIÚ FORTE, IN PERCORRENZA CURVA! Le telemetrie erano identiche a quelle dell’anno prima, tranne che in percorrenza. E Lorenzo lo ha detto chiaramente…

    Rossi invece, ha una guida piú “‘gnurant” e spigola 10 volte di piú, e dell’erogazione appuntita non gliene fregava molto. Anche quí sia Rossi che Lorenzo, confermano tutto: io riporto solo le loro parole.

    Poi la Yamaha, ha (finalmente) portato in pista la nuova frizione “intelligente” accoppiata al cambio SL con “predizione di coppia” e freno motore – E LA YAMAHA SI É AVVICINATA MOLTO AL LIVELLO (eccelso…) DELLA HONDA. E guardacaso Lorenzo e Rossi hanno fatto il salto di qualitá!

    A tutto questo, aggiungiamo che Bridgestone ha “riportato in campo” alcune mescole del 2013 (che piacevano tanto a Lorenzo…), ed il gioco é fatto!

  4. complimenti a rossi e mm93 al primo per la determinazione e al secondo per la superiorità! però questo mondiale è “viziato” dal fallimento totale di pedrosa e da quello parziale di lorenzo! un campionato con questi due piloti in forma avrebbe permesso a mm93 di dominare cosi? e a rossi di arrivare secondo? due considerazioni: il peggior anno di lorenzo gli ha permesso di fare quasi come rossi, e pedrosa ha senso che continui a correre?

  5. @Stilix…

    MM favorito? Si lo credo anche io, ma Lorenzo, Rossi e MM sono sullo stesso piano prestazionale “puro” (intendesi massima prestazione, con la moto che piú si adatta al loro stile).

    E quindi – ANCORA UNA VOLTA – vincerá chi ha la moto migliore. E fino al 2016 (cambio radicale elettronica), vedo sempre favorita la honda. Sempreché non “sbaglino” il telaio, ma mi pare difficile visto che ormai hanno trovato i riferimenti giusti.

    Un saluto ai rosiconi, con transaminasi a 5000… 🙂

  6. Per Rossi non servono parole. Quest’anno ha dato mazzate ad un compagno di squadra fortissimo. A 35 anni. Di questa stagione mi piacerà ricordare il ritorno di Valentino ai suoi veri livelli e la buffa espressione da punto interrogativo apparsa sul volto dei fan di Stoner al termine di ogni gara. Vero vadopianolorono? Bella scommessa, c’hai preso……….

  7. Ed ecco che il dominio honda, da me predetto ormai 2 anni fá, si é compiuto!

    Moto1 = honda + Marquez
    Moto2 = honda e monomarca…
    MotoGP = honda + Marquez!

    Ed appena il contratto di quel “fermo” di camomillo scadrá, ecco il team tutto Marquez, come anticipato dal vero padrone del motociclismo mondiale: Shuhei Nakamoto.

    Ricapitolando, la Moto1, costa 3 volte le vecchie 125 2T (di piú, se si considera la progettazione…), E LE MINIME DIFFERENZE DI MOTORE, LIVELLANO A ZERO LA CLASSE DEI PILOTI, IN QUANTO LE MOTO1 SONO FACILISSIME DA GUIDARE (rispetto alle “vecchie” 125 2T, s’intende…).

    La Moto2, NON SERVE AD UNA BENEMERITA MAZZA, visto la tecnicitá pressoché pari a zero della formula “monomarca”, ED IN MOTOGP CI SI ARRIVA DIRETTAMENTE DALLA MOTO1… La mancanza di un “marchio” sul serbatoio, fá il resto.

    MotoGP, passerella del campione (vero…) MM, amato da honda, Nakamoto e don carmelo… Onore ai vincitori, si dice. Ed onore sia! Specialmente per MM. Molto meno per il fratello minore, che sembra avere piú raccomandazioni e “santi in paradiso” di quanti ne avesse Mark in Moto2. Di certo la vincitrice della MotoGP, é la RC214V… All’inizio stagione, su un altro pianeta, ha permesso a MM il dominio. Quando la Yam si é avvicinata, MM ha dovuto sudarsi ogni singolo piazzamento! Come dire: a moto pari, l’alieno torna a camminare sulla terra, COME TUTTI GLI ALTRI…

    Altra porta aperta sfondata, Pedrosa… Semplicemente “camomillo”. Ma in honda se lo tengono stretto, per enfatizzare MM (che il manico, lo ha, eccome…).

    E poi: dove son finiti quelli che davano Rossi per “spacciato”??? Dové quello che diceva: vadopianolorono – 2/06/2014: “spero che dani si riprenda e possa lottare per il 3 posto in classifica mondiale, visto che secondo arriverà Lorenzo”…

    E poi: vadopianolorono – 2/06/2014 “se vuoi ci facciamo una scommessa??? … ci risentiremo a fine stagione, continua tu, baci ed abbracci!!!!!”

    Come previsto, il “lentissimo” toppato su tutto… Rossi secondo, ed in gran spolvero a 35 anni… Lorenzo in crisi di nervi e fisica (e mi dispiace per lui…), Pedrosa 4o e sempre fuori dai giochi (come previsto…), massacrato da MM, e dal duo Yam.

    Passa ad un altro sport. Quí hai dato abbastanza.

  8. Marquez fantastico, ma io credo che Rossi stia facendo cose bellissime!!! Sopratutto credo che possa fare anche meglio.
    Penso che la preparazione di Rossi e del suo team sia terminata oggi. Ora o mai piu’ , il 2015 per giocarsi il tutto x tutto. L’unica vera incognita rimane il divario tra Honda e Yamaha; se questo divario risulta essere quanto mostarto nella secona parte di stagione (quindi minimo) si puo’ competere. Marquez startosferico, ma Rossi c’e’!
    non mollare vecchio (cosi’ dicono), non ora!

  9. Valentino doveva dimostrare, soprattutto a se stesso, di essere “Valentino”. Si è rimesso in gioco,ha cambianto il capotecnico scommettendo su uno che non aveva mai fatto la motogp ed ha dimostrato che il talento si può offuscare ma non perdere. MM è sicuramente il favorito per gli anni a venire, ma un Rossi ritrovato e così determinato può fare ancora paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *