Red Bull demenziale a Monaco

000_ARP4183519“O attacchi Hamilton o ti fai ripassare da Kvyat“. E’ il messaggio demenziale – giudizio personale – che i box Red Bull hanno comunicato a Daniel Ricciardo durante l’ultimo giro di Monaco. Dopo la safety car l’australiano ha messo in pista numeri che i suoi colleghi – Hamilton compreso – nemmeno immaginavano. Prendendo a ruotate Raikkonen e asfaltando il compagno di squadra, Ricciardo ha dimostrato che la dimensione degli attributi permette il sorpasso anche su questo circuito, utile ormai solo per esibizionisti e arricchiti che nemmeno guardano la corsa. I commissari di gara lo hanno graziato per l’entrata rude su Kimi, ma Daniel è stato punito dai suoi datori di lavoro. Dopo i numeri esibiti da Ricciardo la richiesta/ricatto della Red Bull di attaccare Hamilton ha rappresentato la trasmissione in mondovisione del cattivo gusto. Una caduta di stile che la Red Bull avrebbe potuto evitare chiedendo subito al pilota australiano di restituire la posizione al compagno di squadra. Cosa accaduta ugualmente ma fuori tempo massimo per non scalfire l’immagine di un marchio, di un team, che dello spettacolo ha sempre fatto la bandiera.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

3 risposte a “Red Bull demenziale a Monaco

  1. DECISAMENTE SI UNA VERA CADUTA(VERTICALE) DI STILE O AL MASSIMO UNA FURBATA PER CERCARE DI EVITARE UN RICORSO POST-GARA COSI’ DA MANTENERE GLI STESSI PUNTI PER LA SCUDERIA E PARARSI DICENDO DI AVER IMPOSTO LACESSIONE DI UNA POSIZIONE AL PILOTA CHE CONTATTO CON RAIKONEN A PARTE AVEVA FATTO VEDERE QUALCOSA .

  2. Sono totalmente in disaccordo con quanto affermato in questo articolo, sia per quanto riguarda il sorpasso di Ricciardo effettuato su Raikonen, a mio giudizio regolare (altrimenti se non si fanno così i sorpassi la gara di Montecarlo diventa davvero solo una sfilata di autovetture, su questo sono d’accordo con il giornalista), sia soprattutto per l’ordine dato all’australiano di restituire la posizione al compagno di squadra, che, a differenza del ferrarista, lo ha lasciato passare in quanto la squadra gli aveva comunicato che Ricciardo aveva una strategia diversa dalla sua, quindi non è stato superato ma ha ceduto la posizione; pocihè, come era prevedibile, Ricciardo non è riuscito a superare Hamilton, mi è sembrato giusto che sia stata ridata la posizione a Kvyat, che è stato davanti per tutta la gara e che si era guadagnato quella posizione sorpassando proprio il compagno di squadra alla partenza, mentre Ricciardo molto probabilmente non sarebbe riuscito a superarlo alla fine della gara anche se aveva le gomme più fresche…

  3. Secondo me può starci, dal momento che Kvyat lo aveva fatto passare per agevolarlo viste le gomme Supersoft. Quando hanno visto che non poteva attaccare Hamilton gli hanno chiesto di restitire la posizione al compagno. C’è anche da dire che il sorpasso ai danni di Raikkonen non è stato per niente un bel sorpasso, scorretto e “criminale” come definito da Villeneuve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *