Uno spettacolo triste

AUTO-MOSS1958. La Cooper Climax rivoluziona la storia della Formula 1 portando in pista una macchina dotata di motore posteriore, soluzione già adottata negli anni ’30 da Auto Union, quando il mondiale non esisteva ancora. 57 anni fa questo sport era ancora ricerca della prestazione pura, terreno ideale per invenzioni geniali con interessi politici al limite dell’irrilevante. Oggi gli interessi in questione viaggiano più velocemente delle prestazioni delle macchine, macchine frenate da normative imbarazzanti per quanto riguarda i motori, condizionate nelle prestazioni da pneumatici che per regolamento sono fatti apposta per non reggere la distanza di una gara.Con la demenziale gestione dei giorni nostri una rivoluzione come quella del 1958 non sarebbe stata possibile. Motore anteriore e poche storie insomma. Nel 2015 invece fa figo parlare di “power unit”, ma sempre di motore si tratta. Nello spirito di chi la creò la Formula 1 avrebbe dovuto rappresentare la massima espressione della velocità, qualcosa di unico, di esclusivo. Oggi di esclusivo restano i prezzi dei biglietti per entrare in autodromo e gli abbonamenti alle TV. Qualcuno si immagina quale sarebbe stata la reazione di Gilles Villeneuve di fronte alla richiesta di rallentare per risparmiare gomme e benzina? E Senna? Uno che nel 1988 a Montecarlo, dopo aver dato mezza pista a Prost, andò a sbattere solo perché il francese stava migliorando il record sul giro in gara?
Insomma siamo alle prese con un presente triste e noioso, con squadre che mascherano crisi finanziarie peggiori di quelle del Parma e uno spettacolo pessimo dove per vincere spesso occorre andare piano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

17 risposte a “Uno spettacolo triste

  1. Non condivido totalmente l’articolo, credo che dagli anni della Cooper Climax si sia lavorato molto ed efficacemente sulla sicurezza, ricordare che all’interno di una F1 ci sono delle persone umane è importante e và otre allo spettacolo. Da quegli anni poi la tecnologia è andata avanti ed è innegabile che la F1 abbia aiutato lo sviluppo delle auto che usiamo su strade urbane.. detto questo penso che sostituendo un solo importante tassello del circus la F1 potrebbe migliorare tantissimo e quel tassello si chiama Ecclestone..

  2. La F1 moderna è SOLO un grandissimo business che di sport non ha praticamente nulla! Le vetture sono complicatissime, il sound è ridicolo per la classe regina ed ha tolto parecchio interesse non dando quelle emozioni del rombo ed i piloti sono degli schiaccia pulsanti! Che vergogna! Fra non molto non la seguirà più nessuno e morirà se non tornano indietro!

  3. Che ne e’ stato di quel campionato alternativo promosso da Montezemolo e altri capoccia della F1? Forse e’ il tempo di tirarlo fuori dalla naftalina e farlo partire altrimenti la F1 decotta defunge anzitempo.
    Adios.

  4. Sembra di vedere i soliti 20 che corrono dietro a un pallone, tanto per comparare i due sport piu’ apprezzati dagli italiani solo che qui non c’e’ il pallone e gli italiani si sono stancati.
    Per rivitalizzare non serve il rifornimento ma ripristinare le prove stagionali, togliere quei limiti assurdi ai motori, dare piu’ spazio ai team. Si parla tanto di riduzione dei costi ma ogni anno bisogna rifare la macchina, quello non costa? Ridicolo!
    Ogni GP faccio fatica a non addormentarmi davanti alla TV, e meno male che la RTL trasmette gratis.

  5. Non è mai triste vedere delle macchine che girano, se poi non lo fanno perchè consumano gomme o benzina?………………………………sta lìì la tristezza!. Parliamo di tecnologia innovazione ma appena consumano un filo di benzina o gomma va tutto a farsi benedire!………………………….ma per favore!.Hanno tutti ragione sui regolamenti che fanno pena e se guardiamo chì dirige el baraccon?……………………..sembra un videogioco che un campionato di f1.Basta!,lasciamo liberi gli ingegneri di esprimersi e le vetture nello scatenarsi in pista come appunto ai tempi di senna,villeneuve………………………sentire quel rombo che ti fa venire la pelle d’oca e accendere il cuore!!!!!!.

  6. AH COME FU’ .
    APPUNTO LA FORMULA 1 ERA LO SPORT PIU’ BELLO DEL MONDO , ADESSO SI DEVE ESSERE INGEGNIERI SOLO PER GUIDARE LE AUTO NON C’E’ PIU’ SPAZIO A NESSUNA SORPRESA SE NON CONCORDATE CON BERNY (INTENDO CHE NON SI PUO’ INVENTARE NULLA DI TECNICO) ESI CORRE SOLO PER AVERE VISIBILITA’ E PROFITTI (IN RARI CASI)NON C’E’ PIU’ NIENTE DA VEDERE E SECONDO ME E’ STOLTO CHI PAGA PER VEDERE UN MISERO RICORDO DI QUELLO CHE FU’.

  7. un’analisi perfetta. Vanno bene i motori complicatissimi, ma non è possibile che le squadre abbiano paura di romperli per non subire penalizzazioni. Che dire delle grandi fumate del motore Mercedes della McLaren MP4/12? Alle fumate del 97 corrisposposero i mondiali del 98 e del 99.
    E poi la formula 1 senza rifornimento di benzina? Solo dieci anni fa il grande Michael vinceva a Magny Cours facendo 4 soste!
    Un’ultima regola demenziale è che il motorista/costruttore possa fornire i motori (depotenziati) agli altri. Non accadrà mai che una williams vinca il mondiale se la Mercedes presenta la sua macchina.

  8. la formula 1, la vera formula 1 è finita tanti anni fa, ora è rimasto questo spettro che corre con regolamenti assurdi su piste in paesi ancora più assurdi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *