Gomme, serve il limite di utilizzo

Foto IPP/Hoch Zwei Spa-Francorchamps 23-08-2015 F1 Formula 1 Gran Premio GP del Belgio - Gara nella foto  Sebastian Vettel (GER, Scuderia Ferrari), rientra ai box dopo lo scoppio della gomma e si ritira - WARNING AVAILABLE ONLY FOR ITALIAN MARKET - Italy Photo Press -Esploso il bubbone a forma di gomma, eccoci alle immancabili polemiche. Chi ha ragione? Entrambi e nessuno.
La Ferrari non vuole fare polemiche, quanto meno pubblicamente, la Pirelli non si tira indietro e anzi attacca, andando a rispolverare la sacrosanta proposta di 2 anni fa di porre un limite massimo di giri per ogni set di pneumatici, da far rispettare obbligatoriamente a tutte le squadre. La replica, aleggiata allora e in queste ore, è che così verrebbe meno la creatività nello studio delle strategie da parte degli ingegneri, a quel punto ingabbiati da limiti precisi: ma allora non se ne viene più fuori! Oggettiva l’anomalia di una gomma che esplode di colpo invece di perdere prestazione, opinabile la scelta ultra aggressiva Ferrari di provarci, rivedibile la dichiarazione Pirelli post gara di aver accennato ai team – prima del via – dei limiti oltre i quali non andare. Se i limiti c’erano non andavano “accennati” ma scolpiti su pietra e, superati gli stessi, un uomo Pirelli avrebbe dovuto correre al muretto rosso a dire stop. Ma qui si spalanca il capitolo su ruoli, gerarchie, responsabilità, che è meglio richiudere subito. La verità è che a questo punto urge un limite di utilizzo netto, dichiarato pubblicamente dal fornitore prima di ogni gara, dopo di che se qualcuno vuole prendersi il rischio di oltrepassarlo si assumerebbe le responsabilità del caso. Limite di utilizzo che sarebbe ragionevole avere già da Monza e non solo perché si andrà su una pista notoriamente velocissima, che rischierebbe di far pagare caro un bis di Spa. Ragionevole, appunto: ma siamo in F1.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

19 risposte a “Gomme, serve il limite di utilizzo

  1. Mi viene da Ridere. Pirelli potrebbe costruire gomme che fanno 80,000 km, non 5 giri e poi ESPLODONO. Questo per i dettami FIA, di creare spettacolo.. spettacolo dei cambi gomme, perchè in pista c’è poco… Se secondo voi è normale che 2 gomme esplodano invece che deteriorarsi… Pirelli ha perso molto in marketing, altro che decidere quanti giri max possono fare!!!!

  2. Basta con questa Formula1 chiusa dentro ad un sacco di limiti. Invece via a nuovi sviluppi.
    La stanno trasformando in Formula E. Ma non vuol dire ecologica ma Ecclestone.
    Vada via quel vecchio che per vivacizzare le gare fa scoppiare le gomme.

  3. Da anni ormai i GP di F1 sono, checchè se ne dica, in gran parte decisi dai “gommisti”..! Gomme per le qualifiche e da gara, uguali…(si spera…!) per tutte le scuderie, le quali indiscriminatamente, possono decidere come e quando usarle. Piloti, motori ed aerodinamica devono tornare protagonisti.

  4. Buongiorno.
    Personalmente, credo che le tolleranze per quanto riguarda il numero dei giri possibili con unpneumatico, vadano rispettati. Come tutti abbiamo visto, Vettel ha preferito continuare a girare per mantenere il terzo posto, senza fermarsi a cambiare le gomme. Penso che la Pirelli, dovrebbe essere più vicina al team di Maranello e insieme trovare un accordo sull’uso dei pneumatici. Qualche anno fa è successa la stessa cosa anche alla Michelin. Vi ricordate quante gomme scoppiarono in gara alla Mercedes ? le gomme usurate è normale che scoppino. Cosa vogliamo fare ? mettiamo quattro gomme piene e usiamole per tutta la gara. Il divertimento, sarebbe assicurato. Battute a parte. Mi riesce difficile pensare che un azienda come la Pirelli, non sia capace di progettare una gomma che duri tutta la gara. Cambiamo le regole, subito.

  5. sempre e in ogni caso la posteriore destra. Siamo sicuri che sia stato un errore che la Williams di bottas abbia montato una hard proprio li?

  6. Il limite di utilizzo? Io credo che invece dovrebbero cominciare a togliere qualche limite, per esempio perché non si possono fare test privati durante l’anno? Sarebbe anche un modo per studiare il funzionamento delle gomme, e per sviluppare le monoposto, in modo da non dover fare strategie al buio… Siamo arrivati al punto che chi vince la prima gara del campionato le vince tutte (o quasi) perché gli altri non possono farci nulla. Se ci sono squadre che non possono permettersi test privati pazienza, nel calcio, per esempio, non tutti possono permettersi di comprare Messi o Cristiano Ronaldo ma credo sia sempre lo sport più seguito del mondo, con buona pace di Ecclestone… Già il fatto che ci siano componenti delle macchine che non possono essere sostituite durante la stagione, o comunque siano limitate, rende questo che una volta era uno sport un circo ridicolo. Oppure si può fare un’altra cosa, ad ogni gara la Pirelli e Ecclestone si siedono con le squadre a tavolino e gli dicono quanti stop devono fare, che giro veloce possono fare, e visto che ci si trovano stabiliscono pure la classifica del gran premio così non ci preoccupiamo per niente della salute dei piloti…

  7. il problema della formula uno sono proprio i limiti…. quella che dovrebbe essere l’espressione più estrema della tecnica della tecnologia e della velocità pone limiti ai motori alla benzina agli alettoni al colore del casco dei piloti mentre non pone limiti ai prezzi dei biglietti e alla noia … La vera domanda è quando la ferrari unico vero elemento imprescindibile darà un vero out out? o si cambia o si fa un altro mondiale vera espressione di velocità e prestazioni.

  8. Ma perche’ tutti parlano di gomma esplosa? Riguardate il filmato e non ascoltate quello che hanno detto in telecronaca o gli addetti Ferrari. La gomma non esplode la gomma perde per usura l’involucro superiore e rimane per almeno 200 metri in condizione di viaggiare sulla carcassa. La Ferrari ha grande responsabilita’ in quello che e’ accaduto. Troppo facile sparare sempre su altri, per coprire gli errori che spesso il team commette. Se per arrivare terzi a piu’ di 20 secondi dalla Mercedes devi rischiare la vita del tuo pilota e poi lavrtene le mani , siamo messi veramente male.

  9. LA F1 dovrebbe essere la massima espressione della tecnologia ,possibile che non si riescano far gomme che durino un gran premio…
    A quanto manca il cambio olio………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *