Il Mondiale è targato Yamaha

Foto IPP da video Aragon 27-09-2015  Motociclsimo Gran Premio GP di aragon  - gara - classe MotoGP la caduta di marc marqurez nella foto la moto di marc marquez rotola nella sabbiaUna Honda fuori dai giochi che decide un mondiale targato Yamaha. Del paradosso avevamo scritto in tempi non sospetti e Aragon ha ribadito il concetto. Marquez è l’alleato di Rossi così come Pedrosa lo è di Lorenzo. Vincendo Marc avrebbe tolto punti a Jorge Invece è caduto, causa tempesta ormonale, liberando il posto sul podio per Valentino. Lorenzo, nella sua fuga, non si è accorto di ciò che stava accadendo dietro. Su questo asfalto stampato in mezzo al nulla, Pedrosa voleva dimostrare qualcosa di importante al mondo, ma prima di tutto a se stesso. Dani ha reagito agli attacchi di Rossi, distruggendolo nel corpo a corpo. Dani non ha vinto, ma si è offerto e ha offerto una delle più belle esibizioni della carriera, smentendo per una domenica la fama di pilota fragile quando gomme e carene iniziano a sfiorarsi. Intanto Lorenzo ringrazia per le sequenze spettacolari che la coppia ha regalato là dietro, numeri che ha visto solo più tardi in DVD. Il distacco da Rossi è sceso a 14 punti e già al prossimo round aspettiamo quanto la Honda farà pesare la sua presenza nell’economia in questa corsa al titolo monopolizzata dalla Yamaha.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

15 risposte a “Il Mondiale è targato Yamaha

  1. Penso che l’inossidabile connubio HRC Pedrosa ,sta’ volgendo al termine. Ha ancora un altra stagione a disposizione per riuscire a vincere il titolo in MotoGP ,poi sara’ sostituito da Rabat,probabilmente. E comincera’ il suo “declino”. E’ uno dei piloti con il maggior numero dei podi in MotoGP e meriterebbe un titolo ,piu’ di diversi Campioni . Forse avrebbe potuto vincerlo nel 2008 …in altre occasioni ne ha avuto la possibilita’…frenato dalla sua predisposizione a infortunarsi… comunque ci si aspettava molto di piu’ da lui, all’inizi.

  2. Pedrosa ha vinto il corpo a corpo contro Rossi ma non dimentichiamoci che Rossi e Lorenzo se fanno un errore perdono il mondiale mentre Pedrosa e Marquez non hanno niente da perdere, in questi casi non considero questi duelli ad armi pari, secondo me senza il problema mondiale il secondo posto lo avrebbe avuto Rossi.

  3. @OTTO-VOLANTE: vero, la matematica non è un opinione … però con i “se” e con i “ma” non si è mai fatta la storia!
    SE non si fosse schiantato; AVREBBE sicuramente vinto; AVREBBE tirato giù JL.
    Troppo condizionale per una realtà sola 🙂

  4. bè lorenzo e stoner nn sono certo famosi come maestri del corpo a corpo, anzi. star davanti a vale con una serie di 12/13 sorpassi dimostra perlomeno di aver recuperato caparbietà e fiducia.
    questo nn sancisce la rinascita di pedro ma bisogna rendere onore alla gara strepitosa che ha fatto.

  5. Ieri Pedrosa ha fatto clamore per aver battuto Rossi e ha dimostrato di poter dire ancora la sua. Ma di duelli ne aveva vinti anche contro Lorenzo e Stoner…. non gli mancano certo gli attributi e ci sa fare anche nei sorpassi…purtroppo è bastato che gli appioppassero Camomillo…e per i piu’ è restato marchiato. Pero’ non è con il miglioramento (o presunto tale) in bagarre che Pedrosa puo’ “rinascere”…..gli manca la velocita’ per fare la differenza di un Marquez o di un Lorenzo.

  6. pedrosa soffre molto il compagno mm,nn a caso una volta caduto si è trasformato.cmq vincere un duello con rossi nn signifika niente.l errore l ha fatto rossi sottovalutandolo,pensava ke lo avrebbe passato senza replica dello spagnolo.vr sapeva ke nn sarebbe riuscito a prendere jl e si è messo in scia a dany risparmiando le gomme e sperando di passarlo nel finale.ma sta volta gli è andata male,vedremo le prossime,secondo me nn aspetterà gli ultimi giri.

  7. Credo che sulla rinascita di Pedrosa stiamo esagerando. È stato fantastico, ok, ma la gara va analizzata nel modo corretto: Pedrosa non aveva nulla da perdere, Rossi un mondiale da giocarsi e non poteva certo rischiare di cadere. Poi ho perso il numero di anni che Pedrosa è alla Honda e parliamo ancora di occasioni? Ho visto e rivisto la gara e sono sempre più convinto che Rossi ha preso rischi al 99%, in almeno due occasioni dopo il sorpasso aveva la traiettoria interna, poteva chiudere e costringere Pedrosa a rallentare, ma rischiava il tamponamento.

  8. Grandiosissimo Vale, senza te tutto è noia!!! spero tu voglia correre fino a 50anni, perchè senza te, la motogp diventa Formula 1! Dai sempre lezioni di motociclismo e divertimento………e sportività…
    INSOSTITUIBILE ROSSI !!

  9. bell articolo , peccato che dany abbia fatto si una stupenda battaglia con rossi e l’ha pure vinta ma è successo su una delle peggiori piste per rossi e per di piu su una pista storicamente honda. s’è visto anche da come andava MM. attenderei la prossima gara per far proclami sulla fine di camomillo e l’inizio di superpedro.

  10. Ora Dani sarà più fiducioso di se stesso, ma la sua competitività è calata negli ultimi 2 anni. Per combinazione ha potuto rispondere agli attacchi di Rossi, infatti come si è visto nelle prove il suo passo gara era più forte rispetto a quello mostrato. Quel margine in più lo ha aiutato nel duello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *