Il peggior Vale è meglio di Jorge

Movistar Yamaha MotoGP's Italian rider  Valentino Rossi lifts his front wheel after the Moto GP race of the San Marino MotoGP, in Misano Adriatico on September 13, 2015.   AFP PHOTO / VINCENZO PINTOValentino Rossi fa un passo decisivo verso il decimo titolo mondiale nella peggior domenica della stagione, quella che segna l’interruzione della serie positiva di piazzamenti sul podio. Alla fine si è salvato solo grazie al suicidio agonistico di Jorge Lorenzo che lo ha marcato a uomo, prima dell’epilogo disastroso. Rossi ha clamorosamente sbagliato la lettura della gara, ma alla fine ha limitato i danni grazie a mestiere e fortuna. Jorge invece si è steso quando da lui ci si attendeva un cambio di passo, una scelta strategica differente che riuscisse a sorprendere Valentino. Continua a leggere

Vettel e Massa, vince la normalità

Ferrari's German driver Sebastian Vettel celebrates on the podium placing second in the Italian Formula One Grand Prix at the Autodromo Nazionale circuit in Monza on September 6, 2015. AFP PHOTO / OLIVIER MORINGrazie alla Ferrari, presente e passata, il podio di Monza è stato il trionfo della normalità. Era ora. La normalità di Vettel e Massa, due ragazzi nei modi e nell’immagine meravigliosamente normali – data per scontata l’eccezionalità del mestiere e del talento. La normalità di due facce normali, due tagli di capelli normali, due famiglie normali, due compagne normali, biberon e spade laser sui divani di casa. Bè: evviva. Siamo talmente abituati alle interpretazioni della normalità come mediocrità, con varie sfumature di sfigataggine annesse, che non sembrava vera la scenetta di ieri. Continua a leggere