Lorenzo e la paura di Rossi

Movistar Yamaha MotoGP rider Jorge Lorenzo of Spain (R) poses for the media as his teammate Valentino Rossi of Italy (L) looks on after the qualifying session of the MotoGP Japanese Grand Prix in Motegi, Tochigi prefecture on October 10, 2015. AFP PHOTO / KAZUHIRO NOGIE’ la velocità di Lorenzo l’arma in più di Rossi. La velocità dalla quale Jorge è naturalmente, maniacalmente attratto, tanto da non riuscire a intravedere che potrebbe essere proprio la velocità il suo problema. Sfugge il senso di un ritmo come quello usato dal 99 nei primi giri di gara. Se esiste una certezza, nelle incertezze di una condizione meteo come quella (per altro tipica) giapponese, è che in caso di assenza di pioggia e traiettoria sempre più asciutta, le gomme rain ti salutano. Ecco. Perchè allora costringerle a sollecitazioni pazzesche, solo per arrivare a più di tre secondi e mezzo di vantaggio nella prima parte di gara? Come se non ce ne fosse una seconda? Semplicistico parlare di sfortuna, come ha fatto Jorge, difficile pensare a una semplice disattenzione. Maligno, ma forse non lontano dal vero, arrivare a dire che la fuga era una fuga da Rossi, dall’eventuale corpo a corpo con Rossi, che Lorenzo evidentemente teme ancora molto, come confermano recenti dichiarazioni in cui si augurava “Quattro belle vittorie con distacco” o ancora dei “gomito a gomito con Valentino ma magari il prossimo anno”.

Sa che nella scazzottata non dà mai, notoriamente, il meglio di sè, mentre l’altro ci sguazza, tanto da far passare la sconfitta di Aragon contro Pedrosa come una rarissima eccezione. Insomma Lorenzo scappava da un incubo verso il quale in realtà si sta avvicinando, ovviamente, a grandissima velocità. Quello giallo fluo con dentro un personaggio che, ancora (ancora), riesce a mettere a posto tutti i micro dettagli che potrebbero giocare a proprio favore, come nessun altro sa fare. Lentissimo e chirurgico. Lentissimo e chirurgico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

35 risposte a “Lorenzo e la paura di Rossi

  1. Vorrei solo dire una cosa Rossi sa mettere quella pressione sul proprio avversario come pochi…. Per chi ama Stoner vi voglio ricordare una pista Laguna Seca… Li Rossi sapeva che se voleva battere Stoner lo doveva “annientare” psicologicamente e infatti dopo una gara intera corpo a corpo cadde… Poi su Lorenzo ricordo un altra gara corpo a corpo contro Rossi un sorpasso che é contro ogni pensiero… Rossi nel corpo a corpo é quasi imbattibile… E spero che sia in forma Rossi un altro po’ di anni dato che senza Rossi l’interesse per il motociclismo scenderà almeno che non arrivi un altro fenomeno alla Rossi…

  2. PORFUERA73, non devi scusarti e io la penso come te. Mi dispiace molto per il tuo collega di lavoro, io ho sempre sostenuto, di portare rispetto a questi ragazzi che rischiano la vita tutte le domeniche, ma qui c’è gente che non lo ha ancora capito, e che addirittura sperano in una caduta di Rossi…..tipo murano35, devastoner e qualcun’altro.
    Faccio le condoglianze alla famiglia del tuo collega di lavoro Alex e che riposi in pace.

  3. Ieri, a causa di un incidente nella pista di Cremona avvenuto domenica( è stato travolto da un’altra moto dopo una caduta) è morto un collega di lavoro…si chiamava Alex e aveva 26 anni…..Vorrei ricordare a tutti il rischio che corrono i piloti, e mi auguro non vedere più nessuno esultare per una caduta di un pilota….cosa che troppo spesso avviene negli autodromi italiani e non solo.Tifosi da stadio restate a casa xchè io vi odio dal profondo del cuore.Scusate il mio sfogo.

  4. LA SOLA COSA CHE DOVREBBE TEMERE LORENZO E’ CHE VALENTINO, QUANDO SI ARRIVA AL PUNTO CRUCIALE DI UN MONDIALE, NON TEME NIENTE E NESSUNO. ROSSI, HA LA SUA VERA FORZA NELLA TESTA, E COME IL SOLITO LO DIMOSTRA NEI MOMENTI DIFFICILI. NESSUNO SAREBBE RIUSCITO A TORNARE A LOTTARE X IL TITOLO DOPO 4 ANNI COME QUELLI PASSATI DA ROSSI E OGNI VOLTA SORPRENDE IL FATTO CHE CAMBIANO GLI AVVERSARI MA ROSSI RESTA LI . APPENA PUO’ ROSSI SE PERDE 1 GARA VA E SI COMPLIMENTA CON IL VINCITORE,QUESTA E’ LA DIFFERENZA NEL VEDERE LE CORSE CHE FA SI’ CHE ROSSI SIA UN FUORICLASSE.

  5. il caro lorenzo dovrebbe ringraziare il 46, da quando rossi è andato in ducati yamaha ha smesso di essere la moto migliore del lotto e guarda caso dopo che rossi è tornato yamaha torna ad essere la moto piu ambita. il 10° nn è piu lontano jorghe farebbe meglio a provare bene le michelin e concentrarsi sul mondiale 2016. e visto che salta i test poi nn venga a lamentarsi che le gomme nn gli piacciono.

  6. A mio parere Lorenzo la pressione psicologica di Rossi e del corpo a corpo in generale la subisce ancora, tant’è che quando non è scappato è quasi sempre arrivato dietro se non giù dal podio, poi che sia un pilota fortissimo, uno dei migliori 4 o 5 al mondo nessuno lo discute, il suo problema ora è che ha almeno altri 2 per non dire 3 rivali, visto che anche pedrosa si è dimostrato coriaceo a Aragon, che invece nel corpo a corpo si esaltano e non mollano, quindi o veramente scappa via in tutte e 3 le prossime gare e sperare in un aiutino degli altri o veramente deve sperare in un errore di Rossi e che comunque gli altri non lo ostacolino, ma soprattutto che in nessuna gara uno dei 3 si metta a dargli bagarre!
    Le alette causa dell’extra deterioramento? Scusate il gioco di parole ma mica glie l’ha detto il dottore di usarle per trovare quell’extra grip che gli serviva per provare la fuga!
    Per l’errore a fine gara mi spiace ma non è implicabile solo alla gomma, specialmente l’anteriore sinistra che era il lato usurato in modo più o meno uguale su tutte e 3 le moto, semplicemente ha visto che Rossi già prima del sorpasso di Pedrosa aveva iniziato a rosicchiargli dei decimi, Poi Pedrosa lo ha superato e bam, sul cartello ha visto Rossi a praticamente un secondo, capito che in quel frangente Vale era più veloce di lui, visti che fino all’avvicinamento al Lorenzo Rossi ha quasi tenuto il passo di Pedrosa mentre Lorenzo appena passato lo ha visto scappare, e ha semplicemente sbagliato lui, tant’è che per un giro è riuscito a rosicchiare a Rossi anche 2 decimi quando era dietro.
    Poi pioggia, sole, vento, nebbia, il regolamento prevede che salvo condizioni estreme si debba correre, il mondiale dura quasi 9 mesi e se non si è abbastanza bravi in tutte le condizioni climatiche, se non si sa gestire la pressione psicologica di un mondiale, se non si sa accettare in certi casi di non essere il più veloce del giorno o comunque in condizioni di esserlo per tutto il giorno, se non si sa gestire la stagione nel suo completo con tutti gli intoppi, fortune e sfortune che in tutti prima o poi incorrono, o hai la fortuna di avere una stagione in cui nessun’altro è abbastanza a posto da darti battaglia o i mondiali rischi di perderli anche se sei uno dei migliori!

  7. e se non fosse piovuto, e se avesse piovuto di più, probabilmente un articolo con questa intestazione non ci sarebbe mai stato…. Paura di rossi…. impossibile parlare prima, troppo facile parlare dopo

  8. @dasimima
    Ma che stai dicendo, fino ad ora su 15 piste rossi è arrivato davanti a Lorenzo 8 volte e non è ancora finita perche a phillip island e sepang JL prende ancora paga.
    @lpierini73
    campionato falsato perchè ha piovuto 3 volte su 15 gp??
    E poi mi sembra piova per tutti non solo per lorenzo, se non è capace di gestirsi sotto la pioggia non è un campione completo, fine del discorso.
    Ma l’obbiettività vi è stata asportata chirurgicamente?

  9. Valentino gia’ l’anno scorso ha battuto Lorenzo nel mondiale arrivando secondo. Quest’anno è solo la conferma. Tra i 2 non c’e’ storia; e pure Marquez, a parità di prestazioni del mezzo, è dietro.
    Le cadute, gli errori, le sbavature.. tutta roba che accade quando cerchi di superare il tuo limite perchè se non lo superi non batti Valentino.
    Questo mondiale è forse il piu’equilibrato che io abbia visto e guarda caso.. Valentino Rossi primo a 3 gare dal termine.

  10. e quante scuse che recita JL, la prosima vola dirà “avrei vinto perchè ero più veloce, solo che si è spalmato un moscerino sulla mia visiera e non riuscivo a tenere il passo”. oppure ” ero più veloce ma un tifoso di VR mi distraeva con la linguaccia e non riuscivo a tenere la conentrazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *