Misano, sorrisi che si tramandano

C’è della salsedine adriatica anche in questo spagnolo che rivierasco non è. Nel sorriso di Marquez; nella felicità di guidare la 93 a mò di wind surf; in questa pole che è la sesta dell’anno e che lascia gli esseri umani all’eternità di mezzo secondo. Lorenzo è lì dietro, Rossi chiude la prima fila a sei decimi e mezzo. Prima fila come solo una volta, in Germania, è successo negli altri 12 sabati di quest’anno. Ė il cambio nuovo della M1 e va bene ma è anche questo asfalto che è il cortile di casa, che è una casa dove andò in scena la sua prima volta su una moto da corsa. Come succede in queste ore agli occhi azzurri di Luca Marini, il fratellino di Valentino al debutto nel mondiale, con tutto quel giallo nella tuta e nella moto, con il 97 sul cupolino che poi non è altro che un 46 rovesciato. Continua a leggere

Classe di ferro

La MotoGP attuale, con Pedrosa, Lorenzo e Dovizioso, sembra una questione generazionale. Il podio di Aragon ne è la dimostrazione. Quelli che vincono, quelli che sul podio ci vanno, quelli che fanno la differenza, gli attuali fenomeni, sono tutti prodotti dello stesso periodo, quelli che si son scontrati tra loro da ragazzini, che hanno corso insieme in 125 e in 250; coi vecchi motori a due tempi che continuano a sembrare la scuola motomondiale migliore. Pedrosa,  Lorenzo e Dovizioso, ma anche l’assente Stoner, tutti nati tra l’85 e l’87, si conoscono e si misurano tra loro da un vita. Continua a leggere

Da Simoncelli in poi

Oggi abbiamo la ricorrenza di un mese esatto per fare i conti con ciò che non è passato, ciò che non è stato metabolizzato della scomparsa del Sic e ciò che dovremmo avere imparato. E’ il tempo peggiore, presumo, nella casa di Coriano. La marea affettuosa si ritira come l’acqua assorbita dalla terra. La famiglia Simoncelli si ritrova a misurarsi con quel che sopravvive di sé. Erano e rimangono soprattutto una famiglia. Marco riempiva le giornate, faceva rumore e confusione, animava di vita e di amore gli spazi dentro e fuori i muri di casa. Continua a leggere

Il trionfo della normalità

Paolo e Rossella Simoncelli sono sorpresi. Non si aspettavano una manifestazione d’affetto globale come quella che sta ricevendo il loro Marco. Dentro un lutto, un dolore lacerante che solo chi è genitore può provare, troviamo finalmente una buona notizia. Quello che sta accadendo è il trionfo della normalità, di una famiglia che ha allevato il proprio bimbo secondo quelli che considero i valori reali, assecondandolo nella sua passione che poi è diventata una professione. Continua a leggere