Superbike: A.A.A. stabilità cercasi

sbkLa Superbike riattacca da Jerez dopo lunga vacanza, troppo lunga, andando verso una volata finale che doveva essere fatta di 5 round. Due invece li abbiamo persi per strada, quello russo per ragioni ovvie ma non troppo visto che la Formula Uno a correre in Russia ci andrà, quello sudafricano perché i lavori di riadattamento della pista di Welkom non sono stati completati nei tempi richiesti. Due gare in meno significano 100 punti in palio che vengono a mancare, e vallo dire a Sylvain Guintoli, per esempio, che perde cartucce preziose per la caccia alla lepre Sykes. Continua a leggere

#StaiserenoMarco

6Dopo due gare la Kawasaki vola e l’Aprilia insegue. Vero che il secondo appuntamento della Superbike si è srotolato sulla pista di casa della verdona, il cui team ha sede nelle vicinanze del circuito di Aragon, ma è anche vero che la casa italiana, dopo il promettente avvio di Phillip Island, sembra segnare il passo. Marco Melandri in Spagna non era posto, questo è sembrato evidente. Classe e cuore gli hanno permesso di stare attaccato a Sykes e Baz in gara 2 e di sferrare l’ultimo – riuscito male – attacco per la vittoria. Ma questo non può bastare, Marco lo sa bene e scalpita. Non crediamo ai titoloni che parlano di alta tensione nel team, pensiamo piuttosto che mettano un po’ in agitazione i 26 punti di ritardo in classifica.  Continua a leggere

Bimota, corsa contro il tempo

bimotaPer la Bimota è una corsa contro il tempo, e non inteso come cronometro. E’ arrivato il tanto atteso benestare da parte della Dorna per poter debuttare nel mondiale Superbike ad Aragon, nella seconda prova in programma il 13 aprile. La BB3 che verrà portata in pista da Ayrton Badovini e Christian Iddon ha effettuato il primo Shake-down su una pista privata nel nord della Francia e tutto ha funzionato a dovere. Adesso, sulla carta, ci sono altri test prima del debutto mondiale: possibilmente ad Almeria la prossima settimana, più probabilmente a Portimao qualche giorno dopo, mentre non è da escludere la presenza del team nel test collettivo di Jerez de la Frontera, 3 giorni dal 31 marzo al 2 aprile. Continua a leggere

E adesso via il “rolling chassis”

La Superbike, di questi tempi, assomiglia al mondo Apple, ci sono aggiornamenti in continuazione. In attesa della prossima “puntata” del 10 dicembre, il dipartimento Dorna delegato al campionato delle derivate di serie ha messo mano al “format” delle gare.  Mossa necessaria, indispensabile, pensando soprattutto al pubblico televisivo che, diciamoci la verità, non ha mai gradito l’enorme distanza temporale tra gara 1 e gara 2, cosa che nel tempo ha creato non pochi problemi tra marito fisso sul divano davanti alla TV e moglie impaziente di uscire per la passeggiata pomeridiana. Continua a leggere

Il cantiere Superbike

Ruote ferme, motori spenti, la Superbike è pronta al letargo invernale. Ma solo se parliamo di attività in pista, perché dietro le quinte siamo alle prese con un “furore” mai visto. Ed è normale che sia così perché siamo alla vigilia di cambiamenti, se non epocali, sicuramente di notevole importanza. Le nuove regole, non del tutto chiarite, spezzano il fronte: da una parte le Superbike vere e proprie, dall’altra le Superbike EVO, che dal 2015 diverranno l’unica proposta tecnica. Che fare? Anticipare il futuro per essere pronti e di conseguenza rinunciare in partenza a lottare per il vertice nel 2014 o sfruttare la tecnologia attuale fino in fondo e poi ripartire da capo? Continua a leggere