Lewis sta cambiando

Dicono che le batoste a volte siano educative. La scorsa stagione Lewis Hamilton ne ha presa una grave. Ha collezionato tanti provvedimenti disciplinari da diventare l’osservato speciale dei commissari per poi chiudere il mondiale alle spalle di un compagno di team che nessuno ha mai considerato un predestinato. Le persone con grande talento innato spesso faticano a mettersi in discussione perché hanno una consapevolezza enorme di sè costruita sull’ammirazione altrui. Continua a leggere

F1, se paghi ci sei

Immaginate un giovane Usain Bolt costretto a pagare per partecipare alle Olimpiadi, il piccolo Rafa Nadal cacciare il grano per entrare nel tabellone del Roland Garros, l’imberbe Messi cercare uno sponsor per giocare nel Barcellona. Roba impossibile nel mondo normale, ma al mondo normale non appartiene più da tempo la Formula 1. Accade così che oltre la metà dei volanti a disposizione abbia un prezzo, nel senso che se vuoi correre devi pagare. L’ultimo caso riguarda la Caterham. Continua a leggere

Vettel è il nuovo Vettel

Lo spunto è una dichiarazione di Giorgio Ascanelli alla stampa tedesca. Giorgio Ascanelli, responsabile tecnico della Toro Rosso, di quella Toro Rosso che si portò a casa il Gran Premio di Monza del 2008, grazie all’autografo di un piccolo Vettel tra le pozze dell’asfalto nel Parco. “Vettel? E’ come Senna”. Questa la dichiarazione rilasciata da chi lavorò con Ayrton e ha poi lavorato con Seb. Motivazioni: “La perfezione fatta pilota”.

Continua a leggere

Un Alonso Garibaldino

I mille della Gestione Sportiva lavorano da mesi: chiusi in fabbrica a lucidare le armi, pronti per salpare. Garibaldi..? Fu ferito – da leggersi con la cantilena del ritornello -, fu ferito ad una gara (di Abu Dhabi), Garibaldi che comaaanda, che comanda il rimonton. Lei si chiama F150, in onore come ormai si sa dell’anniversario dell’Unità d’Italia, lui si chiama Fernando Alonso e, con tutto il rispetto per quello vero, non può che essere l’Eroe dei due mondi, pronto a far dimenticare la disfatta in terra araba che ancora brucia. Continua a leggere