La coppia più bella

Prime donne. Divi. Vogliono il camerino più grande e tutto il teatro per sè. E’ umano e scontato che i grandi piloti non siano disposti a condividere il box con qualcuno che potrebbe togliere luce, scena, affetto unidirezionale del team. Sono tutti uguali, quelli molto forti. Per cui non stupisce che Alonso, senza una crepa nell’espressione, menta affermando che lui e Massa sono la coppia più vincente del paddock. Una di quelle balle che si smentiscono da sole, nel momento in cui vengono pronunciate. Una sparata grossa e ridicola.  Continua a leggere

Vettel da paura

Vettel che abbassa la pole dell’anno scorso di 1 secondo, che rifila un giro
scarso al resto del gruppo, che sfiora i muretti, che ha l’occhio pallato,
avrebbe dovuto vincere il mondiale il mese scorso! Perchè, inutile girarci
attorno: il ragazzo è in uno stato di grazia da far paura e va bene che
guida un razzo, ma sto razzo bisogna pur guidarlo, come dimostra bene il pilota
più treste del mondo e del momento: il povero Webber. Continua a leggere

Dall’Australia con furore

Le sensazioni sono tre. Che Webber da questa parti si trasformi, come il 2010 faceva ipotizzare; che Vettel stia iniziando, giustamente, a fare due conti in ottica mondiale, prima di scaraventarsi in curva flat-out con l’asfalto umidino; che Alonso senta a sorpresa l’odore del sangue, a sorpresa perchè se sulla carta c’era un tracciato dove difendersi era questo.

Quindi? Quindi verrebbe da tifare Mark, volendo puntare a una stagione che non finisca dopo domani e verrebbe da tifare Alonso, volendo parlare di sorpassi e remontada più che di percentuali di scarico in rilascio. Continua a leggere

Il peso dei piloti

Il campionato mondiale piloti, visto che esiste ed è quello che conta di più, non offre soltanto i punti della classifica come metro di comparazione. Piuttosto il rendimento in corsa, basato sulla qualità dei giri in valore assoluto e cioè sull’applicazione del talento. In questo senso trattasi di testa a testa. Vettel e Alonso, ovviamente, molto vicini. Per qualcuno, piazzati addirittura in ordine inverso, vale a dire Alonso e Vettel,  considerando un mezzo tecnico che facilita l’incedere del tedeschino. Il discorso apre dibattiti forti e divertenti. Continua a leggere

Crederci serve

Mantenere la calma come segno di forza. Non perdersi nel caos delle voci che ti danno perduto, fuori, finito in anticipo.

La Ferrari è in recupero, anche se non sappiamo ancora quantificare il peso del passo in avanti.

Un podio è una soddisfazione grande ma ovviamente i numeri si fanno sulle tendenze, non sul colpo singolo. Eppure ci sentiamo di tributare una dichiarazione di stima per l’atteggiamento degli uomini di Maranello. Continua a leggere