Gobmeier, l’uomo nuovo

Dovizioso a parte è Bernhard Gobmeier il vero uomo nuovo della Ducati. E positivo, propositivo, già integrato, alla prima impressione piace e ci piace. Non fatevi ingannare dal fatto che la Ducati parta per il 2013 con il modello 2012 che non è affar suo se non dall’8 gennaio (data del suo insediamento in Ducati) e se non come base da cui partire. E’ possibile che non intenda fare -come dice- quella “rivoluzione che distrugge” preferendo “un’evoluzione che costruisce”, ma non significa affatto che sotto la sua guida le cose al Reparto Corse Ducati e sulla moto non debbano cambiare. Sta esplorando Bernhard Gobmeier, con l’occhio dell’ingegnere e l’attenzione del manager all’organizzazione del lavoro.  Continua a leggere

Se Nando fa gossip

E così, in attesa della nuova Ferrari, in attesa della nuova Ducati, alle prese con le incertezze e le ansie di chi ha bisogno di vincere molto e subito, il tradizionale meeting di Campiglio – Wrooom – con Alonso e Valentino al debutto nel 2012, ha avuto un’unica vera protagonista al femminile. Non “la moto”, non “la macchina” ma “la modella”, peraltro assente anche lei, ‘sta benedetta ragazza della quale a noi fregava niente sino a ierilaltro. Il merito di tutto ciò va a Fernando Alonso in esclusiva. Continua a leggere

La settimana utile

Fino ad una settimana fa al rapporto che lega Rossi alla Ducati mancava qualcosa, inutile nasconderselo. Due ex rivali – e che rivali – che si uniscono, hanno bisogno di tempo per rompere diaframmi, annullare diffidenze, cercare sintonie, accostamenti. Rossi in rosso che non è stata affatto una fatica per la stragrande maggioranza del pubblico entusiasta che c’è nel mondo, lo era invece un pochino (e forse lo è ancora) per alcuni rossisti diffidenti e per alcuni ducatisti estremisti. Continua a leggere